Chi č senza peccato scagli la prima auto diesel

+ Miei preferiti
Chi č senza peccato scagli la prima auto diesel
Oggi una nota marca di auto Europea è sul banco degli imputati. Reo confesso, il suo AD, si è cosparso il capo di cenere, e ha chiesto scusa al mondo, annunciando le dimissioni dopo un confronto durato ore con i membri del board della compagnia automobilistica. Strano? Secondo alcuni media il trucco di questa costruttrice tedesca avrebbe avuto lo scopo di ridurre il conteggio degli ossidi di azoto, un semplice irritante polmonare, per alcuni individui e non per tutti, non un vero inquinante. 
 
Ma questo irritante negli USA aveva la cattiva fama di potersi combinare con i vapori di benzina che uscivano dai pentoloni ribollenti dei grossi carburatori made in USA producendo  smog fotochimico sotto l’effetto del sole della California. Oggi quell’atmosfera è limpida, lo smog fotochimico è sparito grazie all’adozione del catalizzatore, ma negli anni Sessanta e Settanta, il cielo di Los Angeles era saturo di nebbia rossastra, dato che il colore dell’ossido di azoto è, appunto, rosso. Cosa è rimasto di allora? La fobia tutta yankee per gli NOx, gli ossidi di azoto, additati come nemici dell’umanità. Non fa nulla se un loro parente, l’N2O viene usato nel viagra come stimolante, non fa niente se gli NOx sono composti azotati che la natura si crea da sola con i fulmini per rendere fertile il terreno. 
 
Oggi altre nazioni europee con le relative case automobilistiche ipocritamente si stracciano i vestiti per questo scandalo ma siamo sicuri che anche loro non abbiano eluso i test sulle emissioni di gas nocivi, facendo lobby per mantenere tale escamotage in seno alla Ue? Di inspiegabile c'è l’astio statunitense verso l’emissione di ossidi di azoto che rappresenta oggi l’unico punto debole del motore diesel. Forse il loro obiettivo non è la salute delle persone conto l’inquinamento globale ma un attacco contro l’industria motoristica europea specializzata nel diesel. Solo così mi spiego la caccia all’untore contro la casa automobilistica europea.
Altri post di Giorgio Cortese
OTT
18
Passato, presente futuro, un po' di tutto, un po' di niente. Il pensiero non trova spazio. E’ di notte che si percepisce meglio il frastuono del cuore...
SET
28
La notizia datami č simile ad un pugno allo stomaco e mi prende un nodo alla gola a pensare a delle persone che dopo aver lavorato una vita non riescono a tirare avanti...
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore