Communitas Inchoavit 1688, Perfecit 1717

+ Miei preferiti
Communitas Inchoavit 1688, Perfecit 1717
Un concittadino mi ha fatto notare una domenica mattina di Marzo  la lapide apposta sul basamento del campanile di Favria, frase che trascrivo: “Communitas Inchoavit 1688, Perfecit 1717”. La lapide fu posta li dai favriot appunto, per ricordare che nel 1688 era iniziata la costruzione del campanile, che si eleva per circa 50 metri, e la fine della sua costruzione nel 1717, trecento anni fa! Pensiamo un attimo alla fatica con la rozza tecnologia dell’epoca nell’edificate un così bello manufatto, dotato di una ricchezza e prerogativa unica tra tutte le torri campanarie del Canavese.

Il campanile di Favria è  equipaggiato con un carillon di sette campane intonate in re maggiore, ed ogni campana ha una sua iscrizione o motto ed il riferimento da chi è stata donata. Pensate che quando la torre campanaria fu inaugurata,  il duca di Savoia era divenuto da pochi anni Re ed aveva assunto il dominio, per poco tempo, della Sicilia, gli verrà data dopo la Sardegna. Pensate con che giubilo allora i favriot del tempo festeggiarono con “fusette”, fuochi d’artificio, e grida di esultanza la fine dei lavori del Campanile che prima di essere un simbolo religioso è il simbolo della Comunità stessa, la rappresentazione tangibile  che questo manufatto è stato edificato grazie alla  unione e coesione degli abitanti di allora.

Monito dopo trecento anni che da soli possiamo fare così poco, ma insieme possiamo fare così tanto. Mi auguro che questo avvenimento i trecento anni delle costruzione del campanile simbolo religioso per i favriesi credenti, simbolo civico di identità politica nel lavorare assieme per il bene della nostra Comunità per tutti non passi sotto l’assordante silenzio di non essere ricordato dalla Amministrazione  Comunale. Sarebbe bello ricordarlo in occasione della Festa Patronale o quanto ritengono loro. Mi dispiacerebbe che l’anniversario dei trecento anni delle fine dei lavori passasse sotto silenzio, perdere l’ennesima opportunità di fare unione, coesione e senso di appartenenza alla Comunità dove viviamo.

Ricordo a chi mi legge che nessuno di noi è un’isola, completo in se stesso, ma siamo tutti dei pezzi che contribuiamo a rende migliore il luogo dove siamo nati o dove abbiamo deciso di venire ad abitare: Favria! 

Altri post di Giorgio Cortese
GEN
18
Oggi i sovranisti che sono poi la nuova destra nazionalista, alla Le Pen o alla Orban, scuotono un'Europa infragilita da una cieca burocrazia...
GEN
11
I gatti sono simili ai bambini teneri e capricciosi che cercano le coccole e si imbronciano e sono degli insostituibili amici di noi umani...
GEN
7
Leggo sui media la polemica sul decreto sicurezza tra esponenti del Governo da una parte e diversi Sindaci e Conferenza Episcopale Italiana, CEI, che si appellano alla disobbedienza civile per non rispettare tale legge...
GEN
3
Dicono che ridere di noi stessi non solo aiuta a sopprimere la rabbia, ma aiuta in modo significativo il benessere psicologico, e credetemi è vero...
DIC
27
Il mondo è afflitto da guerre, da sconvolgimenti climatici, malattie e inquinamento. Quale miglior momento per sperare? Bisogna essere un po' pazzi, ma io continuo a nutrire la speranza...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore