Contrasti barocchi tra emozione ed intelletto

+ Miei preferiti
Contrasti barocchi tra emozione ed intelletto
Sabato 16 gennaio, sono stato a Rivarolo ad ascoltare il concerto  della rassegna Contrasti barocchi, tra emozione ed intelletto, a Rivarolo, ore 21,nella chiesa di San Giacomo. Protagonista della serata è stata la musica di J.S.Bach , grande esponente della musica barocca, in particolare la cantata, con le arie e recitativi di cui è composta.  Personalmente quel parruccone di Johann Sebastian Bach mi è sempre piaciuto. Pensate che Bach ci teneva alla parrucca a riccioloni ancora in pieno Settecento, quando da decenni non si usava più. Quanto alla musica, erano tanti che al suo tempo trovavano antiquata anche quella, perché non si piegava alle eleganze più facili dei giovani, tra cui stavano persino alcuni della sua ventina di figli, e tirava diritto per la sua strada.

Sapeva più di tutti gli altri. Per esempio una volta, entrato in un salone, disse che se, voltato verso il muro, avesse sussurrato qualche parola, l’avrebbe udita chiara solo chi stesse nell’angolo opposto come lui; ed era vero. Forse sapeva anche che la sua musica, dall’angolo lontano d’un mondo fra Barocco e Illuminismo, avrebbe raggiunto nitida l’angolo opposto del Duemila, sempre meravigliosamente moderna. Nella musica di Bach che ho ascoltato dal giovane e soprano torinese, Ilaria Zuccaro,  accompagnata all’organo dal Paolo Tarizzo, bravissimi entrambi ho potuto apprezzare ancora di più. Ascoltare Bach tra corali, fantasie, toccate, preludi e fughe riempiono il mio animo di felicità.

Ritengo da profano la la musica di Bach di immediata comunicazione eppure di profondi contenuti un punto fermo su cui riflettere nel bombardamento quotidiano di informazioni effimere, vuote e gridate a cui siamo costantemente sottoposti, la musica di Bach mi aiuta a vedere oltre la superficie delle cose, ad approfondirle, a conoscerle. In questa società liquida governata sempre di più dalla cupidigia dell’ economia di mercato la musica di Bach è un esempio di dedizione disinteressata e costante, lontana dalle mode e dall’ambizione avida.

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore