Dittatura del clima

+ Miei preferiti
Dittatura del clima
Terra, clima e territorio sono stati per secoli tre categorie distinte. La crisi ambientale le ha unificate. Sino ad oggi  abbiamo creduto che fosse il gioco delle tre carte: la terra, cioè la forma del suolo; il clima cioè l’insieme delle condizioni atmosferiche; il territorio, cioè l’impronta sulla terra dell’esercizio del potere politico di noi bipedi evoluti. Ora siamo costretti a scoprire che le carte  in realtà soltanto una, e che non si tratta di un gioco!

Non si tratta di una carta, cioè di una mappa bensì di un globo. Non che i sospetti prima mancassero, perché mai  la distinzione tra terra, territorio e il clima è stata nella storia netta e fissa. Pensate che nel 700, ancora prima dell’ottocentesca invenzione della meteorologia il clima era la terra. Si indicava ciascuna delle sezioni circolari globo e si suddividevano, tutte l’altra contigue e parallele,  caratterizzate  da diversa  ampiezza ma di analoghe condizioni di temperatura  se non di umidità. Oggi terra, territorio e clima sono una cosa sola sul nostro pianeta blu!

E’ il clima che si prende la scena sul territorio  agendo come attore principale al punto che ogni paese  è costretto a rivedere le sue scelte per il nuovo corso climatico. Pensate Che per migliaia di secoli la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera a oscillato tra 200 e 380parti per milione. Oggi siamo arrivati a 411! Colpa della deforestazione e dell’uso di combustibili fossili, e anche se può sembrare un aumento modesto, l’effetto sul clima è di portata enorme. Accrescendo la temperatura globale, si sciolgono i ghiacciai, cambiano i monsoni, si alza il livello dei mari, si intensificano le città e le alluvioni. La siccità cresce alternata a violente piogge. 

Aumentano le migrazioni per fame che sconvolgono i paesi colpiti e quelli che accolgono. Siamo arrivati al punto di non ritorno della dittatura del clima e ne siamo prigionieri. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
FEB
12
Sono nato nel 1958 e dall'et della ragione ho convissuto con lo spettro di una terza guerra nucleare mondiale. Una paura latente ma sempre presente ad ogni crisi...
GEN
27
Oggi ricorre il Giorno della memoria che celebra quel lontano 27 gennaio 1945, quando i soldati sovietici dell'Armata Rossa irruppero nel campo di concentramento di Auschwitz
GEN
18
Oggi i sovranisti che sono poi la nuova destra nazionalista, alla Le Pen o alla Orban, scuotono un'Europa infragilita da una cieca burocrazia...
GEN
11
I gatti sono simili ai bambini teneri e capricciosi che cercano le coccole e si imbronciano e sono degli insostituibili amici di noi umani...
GEN
7
Leggo sui media la polemica sul decreto sicurezza tra esponenti del Governo da una parte e diversi Sindaci e Conferenza Episcopale Italiana, CEI, che si appellano alla disobbedienza civile per non rispettare tale legge...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore