Il bolso pensiero pentastellato

+ Miei preferiti
Il bolso pensiero pentastellato
Certo al duetto pentastellato deve essere sembrata un’ideona, riadattare una poesia, cambiare le parole ma conservare sempre le solite invettive contro la casta e contro chi non la pensa come loro. Prima di tutto, il linguaggio della poesia: «Considerate se questo è un uomo...» è tratto dalla Bibbia e svalutarla in uno slogan mi sembra proprio meschino. Ma forse il duetto pensa che questo possa fargli comodo esasperando la situazione politica, creando solo e sempre delle sterili polemiche per nascondere il nulla cosmico che fino adesso hanno fatto.

E poi l’immagine che è stata postata con uno squallido fotoritocco, mi riferisco alla foto dell’ingresso del campo di sterminio di Auschwitz, sul quale troneggia la famigerata scritta Arbeit macht frei, a sua volta storpiata in P2 macth frei. Allora il lavoro rendeva liberi. Adesso sarebbe la loggia segreta che finge di donare la libertà, non il lavoro. Mi auguro che sia solo una becera provocazione e che non pensi realmente che la nostra condizione attuale sia paragonabile a quella di un ebreo del 1944 in Germania e nelle terre occupate dai nazisti.

Il suo modo di distorcere il passato a colpi di click mi fa pensare ad un pensiero bolso. Lemma che deriva dal latino vulsus, participio passato di  vellere, schiantare. Si dice bolso chi, respirando male, tossisce e si trascina spossato, debole. Il fumatore in cima alla salita, l'allergico in primavera, il cavallo vecchio. Questa parola trova poi una meravigliosa rispondenza fra suono e significato estensivo di gonfio. Infatti il suono “bolso” rende subito l'idea di qualcosa di tronfio e sfiatato, di enfatico e asmatico, di stentoreo privo di nerbo, vacuo.

Insomma lo stile del duetto mi pare sempre di più balbettante con insensatezze altisonanti dove si cerca di sostenere una visone della storia che forse esiste solo nel blog. Dove non c’è nessuna differenza, perché le differenze sono una seccatura del passato, che una visione colpevolemente distorta del web permette di eliminare a colpi di clic e nessun rispetto per le sofferenze subite dagli altri.

Altri post di Giorgio Cortese
MAG
20
Purtroppo oggi siamo inflazionati dai sorrisi, umani e quelli delle “faccine” sui social forum e probabilmente per ripartire questa società oltre al lavoro ha anche bisogno di imparare a riappropriarsi del vero senso del sorriso
APR
24
Fermiamoci un attimo al xxv aprile e ricordiamolo ai nostri figli e alle giovani generazioni che se possono dire, pensare, ascoltare e vedere ciò che vogliono senza divieti non è per diritto divino ma per il sacrificio di tante persone
MAR
26
L’amico e collega Matteo mi ha recentemente fatto notare come la nostra amata lingua italiana sia sempre più sommersa da termini esterofili che vengono usati a sproposito
MAR
18
Ricordo a chi mi legge che nessuno di noi è un’isola, completo in se stesso, ma siamo tutti dei pezzi che contribuiamo a rende migliore il luogo dove siamo nati o dove abbiamo deciso di abitare
FEB
27
La cosa che mi fa più rabbia è che la gente non è per niente consapevole di quel che dice e scrive, non si rende conto delle rappresentazioni sociali che stanno dietro alle loro parole
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore