Il rozzo concetto di razza

+ Miei preferiti
Il rozzo concetto di razza
Ma che razza di persone sono quelle che parlano di razza quando parlano di esseri umani? Mi viene un brivido lungo la schiena che esistano persone dalla mentalità così rozza. Ma prima di continuare, permettemi una breve riflessione sulla parola razza. Questa parola è giunta in italiano attraverso gli antichi  popoli germanici dove serviva a significare la diversità linguistica piuttosto che etnica. I germani si riconoscevano come confederazione di popoli in quanto parlavano dei dialetti più o meno intellegibili. Di questo aspetto resta una traccia linguistica anche nella lingua italiana, la parola razza deriva infatti dalla parola gotica razda.

Questa parola gotica è rimasta anche in altre lingue, nell'inglese race probabilmente di origine vichinga dall'antico norvegese  ras, nelle lingue dei paesi baltici, lituano rasè, lettone rase, estone rass,  resta anche nello spagnolo raza e nel portoghese  raça, lingue in cui è stato molto forte l'influsso linguistico derivato dai Goti. Da li il concetto di razza, quella dei cavalli era presente nell’antico francese, haraz, per significare l’allevamento dei  cavalli, e poi passato da arazz a razza. Curioso è che la parola “rozza” di propabile origine germanica, poco usata, indica un cavallo di scarso pregio e poco robusto ed agile.

Oggi non ha senso parlare di razza, con questa teoria nei secoli passati loschi individui si sono serviti  per  separare, dominare, sterminare con lo schiavismo codificato e accettato senza sussulti morali per secoli, oppure il  periodo coloniale sfruttatore  e  sterminatore dei popoli indigeni. Per ultima la tragedia del popolo  Armeno e della Shoah. Tutte queste tragedie dell’umanità sono legate da un sottile filo, il concetto di razza superiore e di razza inferiore, di confronto identitario che cancella la qualità umana di chi è reputato appunto sub-umano, selvaggio, impuro da sfruttare e poi da eliminare. Certo il rozzo pensiero che sente l’identità minacciata e sente odore di contaminazione porta benzina ai populisti. E’ vero non possiamo accoglierli tutti!

Lo sappiamo tutti che tutti non possiamo prenderli, ma la soluzione non è il rifiuto, ma l’integrazione. Non dobbiamo essere Noi e Loro ma richiamarci tutti Noi, perché di una cosa sono totalmente certo: siamo tutti della nostra stessa razza, quella umana. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
AGO
8
Oggigiorno, invece di andare avanti, torniamo indietro e il Canavese viene sempre più marginalizzato negli spostamenti su rotaia... per non parlare di quelli su gomma...
AGO
5
Quando sono arrivato qui la prima cosa che ho visto è la stato lo spazio angusto è il lettino per dormire. Il momento migliore quando arrivava il pasto ed il tempo che non passava mai...
LUG
27
Questa è la serata dell'eclissi di Luna più lunga del secolo. Il cielo (meteo permettendo anche in Canavese) offrirà uno spettacolo unico...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore