La mitica partita del secolo: Italia-Germania 4-3

+ Miei preferiti
La mitica partita del secolo: Italia-Germania 4-3
Se capitate in Messico (beati voi) fate un salto allo stadio di Città del Messico e potrete osservare la grande lapide di marmo che i messicani fecero deporre a immortale memoria degli eroi dell'Azteca.  Eroi, si, perchè i giocatori delle due nazionali diedero vita quella sera di giugno ad uno spettacolo mitico, conquistando la passione  di milioni di amanti del calcio nel mondo. Certo allora abbiamo vinto, ma l’onore va equamente diviso con i gli avversari che hanno contribuito a dare sul campo una  grande prova  di coraggio e orgoglio pari alla nostra passione e determinazione.
 
I Mondiali del 1970 portarono all’assegnazione definitiva della Coppa Rimet al Brasile, prima squadra a vincere tre edizioni del trofeo. Di lì in poi, il trofeo cambiò il proprio titolo in “Coppa del mondo”. Ma la memoria collettiva di quell’edizione è indissolubilmente legata  alla semifinale tra Italia e Germania Ovest, giocata allo stadio Azteca di Città del Messico. Allora avevo dodici anni e mi ricordo che la partita era iniziata lentamente, le due squadre si studiavano sul campo con mosse e contromosse, poi via via come un copione perfetto di un film di successo, è divenuta prima straordinaria, poi entusiasmate e infine sovrumana, e mi è entrata nella mia memoria come nel ricordo collettivo di tutti quegli italiani che attraverso la televisione hanno assistito allo spettacolo.
 
Questa partita ha ispirato libri,  film e rappresentazioni teatrali, riproponendo sempre la sua carica emotiva ed emanando il proprio fascino anche sulle generazioni successive a quelle direttamente coinvolte. Si giocò in notturna, di fronte a 102.444 spettatori presenti allo stadio. In Italia più di 30 milioni di spettatori seguirono la telecronaca di Nando Martellini o la radiocronaca di Gianni Ameri. Mi ricordo ancora la recriminazione del sempre composto nostro telecronista del momentaneo pareggio, due minuti  abbondanti oltre il tempo regolamentare (gol del tedesco Schnellinger, terzino del Milan). Una partita mitica il resto sono solo chiacchiere.
Video
Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore