La paura dentro di noi

+ Miei preferiti
La paura, anzi meglio le paure e detto in linguaggio scientifico le fobie, dal greco phobos paura, è uno stato d’animo che limita quando si scatena l’evento limita la personale capacità di azione. Tutte le più comuni paure che si vivono nel quotidiano possono peggiorare, in estate, perché, in questo perido possono emergere prepotentemente. Se uno vuole andare in vacanza per una meta lontana è frequente preferire come mezzo di trasporto l'aereo, ma moltissime sono le persone che hanno paura di volare.

Per certe persone fobiche, prendere l'aereo è una vera e propria tortura, a volte rinuncia alla vacanza a priori, in altri casi parte ma per tutto il volo ma è angosciato e non vede l'ora di toccare terra. Ci sono tantissime fobie, più di quante ne immaginiamo dalla paura del mare o dei laghi, talassofobia e limnofobia, alla paura di lavarsi o fare il bagno, ablutofobia. La paura di avere  prurito o degli insetti che causano prurito, l’acarofobia. La paura del del buio l’achluofobia, la paura dei rumori l’acousticofobia. La paura dei microbi e dei batteri,  la bacillofobia e la bacteriofobia..

Conosco delle persone che hanno paura degli spazi aperti, l’agorafobia, altri di spazi chiusi, la claustrofobia. Ma la cosa che veramente mi lascia amareggiato è come certe persone siano affette da cenofobia, la paura delle nuove idee e soffrano anche della allodoxafobia, hanno paura delle opinioni diverse dalle loro, si potrebbe quasi pensare che hanno anche l’anablefobia, la paura di guardare in alto, non in senso fisico, ma come visione del futuro. Sono delle persone che cercano di vivere sulle spalle degli altri e forse la loro reale paura e l’ergofobia, la paura di lavorare.

Personalmente  ritengo che la paura è la cosa di cui ho più paura. Mi consolo su quanto scriveva lo scrittore cattolico francese Georges Bernanos: “Anche la paura, malgrado tutto, è figlia di Dio, riscattata il Venerdì santo. Non è bella a vedersi, no; e c’è chi se ne fa beffe, chi la maledice e tutti la ripudiano… Però non lasciatevi ingannare da questo: essa è al capezzale di ogni agonia e intercede per l’uomo.” Insomma ho una grande paura per le persone che dicono di non avere paura.

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore