La regola di Adriano Olivetti

+ Miei preferiti
La regola di Adriano Olivetti
Sono rimasto basito quando, questa mattina, ascoltando il giornale radio ho sentito la notizia che la Regione Piemonte aumentava gli stipendi dei manager della Sanità per evitare che emigrassero in altre Regioni. Dopo essermi ripreso da questa notizia ho provato imbarazzo per chi ci governa in Regione, perché mi  pare che se da un lato  aumentano gli stipendi ai manager, dall’altra parte la base delle piramide, i dottori gli infermieri, insomma tutto il personale sanitario che ci garantisce la salute, ha gli stipendi bloccati e anche noi cittadini utenti e che pantaloni paghiamo, abbiamo solo avuto sempre dei tagli.

Certo mi verrà detto che i manager sono quelli che fanno girare la Sanità nel territorio ma trovo immorale che una persona guadagni così tanto. Ma quanto lavora 30 ore al giorno? Ma forse è finita l'epoca della libertà dell'uguaglianza e della fraternità. Che sia finito un mito inseguito dall'intera umanità in ogni paese e il dio il denaro ha divorato gli ideali della Rivoluzione Francese? Per risalire la china morale da questa palude basterebbe applicare la regola dell’imprenditore Adriano Olivetti: «Nessun dirigente, neanche il più alto in grado deve guadagnare più di dieci volte l'ammontare del salario minino».

Certo un nobile pensiero che i nostri attuali governanti dovrebbero mettere in legge. Se ci fosse pensate alle eventuali conseguenze dell'applicazione di una simile regola morale. Si eliminerebbero la maggior parte delle storture socio economiche che segnano in negativo la nostra società e il nostro vivere quotidiano. Se veramente questa regola trovasse applicazione vivremmo in un mondo in cui la maggior parte delle ingiustizie sociali vivrebbe soltanto nei libri di storia a testimonianza di una società ingiusta e iniqua che sarebbe stata spazzata via da una umanità finalmente pacificata. Sono deluso e sinceramente non so  se ricominciare a crederci, o se crederci mi dà la forza per ricominciare. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
SET
28
La notizia datami è simile ad un pugno allo stomaco e mi prende un nodo alla gola a pensare a delle persone che dopo aver lavorato una vita non riescono a tirare avanti...
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore