Libertà di stampa, una risata vi seppellirà

+ Miei preferiti
Libertà di stampa, una risata vi seppellirà
Appresa l’abominevole sparatoria avvenuta a Parigi esprimo come tutte le persone che si considerano civili la mia solidarietà su questo atto intollerabile, una barbarie che mi interroga in quanto essere umano. Il giornale Charlie Hebdo è un quotidiano di tradizione libertaria e repubblicana. E in rispetto a questa tradizione consolidata i giornalisti e i vignettisti non si sono mai sottratti al dovere di mettere in ridicolo anche l’inciviltà ottusa del fondamentalismo islamico che, come ogni radicalismo, non può accettare il riso e l’ironia.
 
Il riso è critica che serve a distruggere la paura e mettere in ridicolo i rozzi personaggi. La paura non ride, al riguardo mi viene in mente una battuta del libro “Il Nome della Rosa”, di Umberto Eco: “Il riso cancella la paura, ed è sulla paura che si basa il timore di Dio e perciò la fede“. In questo caso il Dio è quello dell’Islam, religione che molti in Europa temono e osteggiano con le armi del populismo, seminando odio e paura, e che anche al centro di retoriche xenofobe nazional-fasciste. 
 
Ma al rispetto per l’Islam non si può sacrificare la libertà di ridere e deridere del potere politico o religioso, una libertà che in Europa abbiamo guadagnato con il sangue dei caduti del secondo conflitto mondiale e anche prima a caro prezzo, in secoli di lotta intellettuale. La bandiera della democrazia non deve ammainarsi a lutto ma sventolare alta, per il direttore di “Charlie Hebdo” e per i suoi vignettisti scomodi e irriverenti.  La libertà è una bella parola ma il suo valore e la sua conoscenza non devono farci  credere che una volta acquisita duri in eterno, se non la difendiamo adesso che l’abbiamo avuta in eredità dai nostri genitori. 
 
Smuoviamoci allora da questo letargo e alziamo tutti la testa per proclamare la nostra libertà e che non sarà possibile, per il becero terrorismo, vincere la sfida per toglierci la libertà.
Oggi Je suis Charlie, anche io sono Charlie e oggi più che mai siamo tutti francesi.
Altri post di Giorgio Cortese
MAG
20
Purtroppo oggi siamo inflazionati dai sorrisi, umani e quelli delle “faccine” sui social forum e probabilmente per ripartire questa società oltre al lavoro ha anche bisogno di imparare a riappropriarsi del vero senso del sorriso
APR
24
Fermiamoci un attimo al xxv aprile e ricordiamolo ai nostri figli e alle giovani generazioni che se possono dire, pensare, ascoltare e vedere ciò che vogliono senza divieti non è per diritto divino ma per il sacrificio di tante persone
MAR
26
L’amico e collega Matteo mi ha recentemente fatto notare come la nostra amata lingua italiana sia sempre più sommersa da termini esterofili che vengono usati a sproposito
MAR
18
Ricordo a chi mi legge che nessuno di noi è un’isola, completo in se stesso, ma siamo tutti dei pezzi che contribuiamo a rende migliore il luogo dove siamo nati o dove abbiamo deciso di abitare
FEB
27
La cosa che mi fa più rabbia è che la gente non è per niente consapevole di quel che dice e scrive, non si rende conto delle rappresentazioni sociali che stanno dietro alle loro parole
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore