Lo spirito del Natale

+ Miei preferiti
Lo spirito del Natale
Da bambino il Natale era sicuramente la festa più attesa e non solo per i regali che Gesù Bambino e la Befana mi portavano, ma anche per l’atmosfera di gioia, di festa e di condivisione che si respirava a casa mia attorno Ai simboli tradizionali del Natale: l’albero ed il presepe. Aspettavo con entusiasmo le feste natalizie, anche perché erano un momento di ritrovo di tutta la mia famiglia. Ricordo con piacere il grande tavolo in cucina, nel quale dopo il pranzo ci raccoglievamo per giocare a tombola o a carte o a fare vedere i giochi o i libri che Gesù Bambino mi aveva portato.

E ricordo anche la lunga preparazione e il grande impegno di mia mamma e di mia nonna,  nel preparare il pranzo di Natale. Mi piace anche ricordare l’ingenuità con la quale credevo in Gesù Bambino e nella Befana che mi portavano i doni con l’irrequieto piacere dell’attesa. Non dimenticherò mai quella mattina, avrò avuto sei-sette anni, l’emozione di svegliarmi la mattina di Natale e di trovare miracolosamente al fondo del letto i regali che immancabilmente mia sorella, maggiore di sette anni aveva già aperto. A creare la magia, però, erano anche i miei genitori che, con i loro racconti e il loro entusiasmo, rendevano la festa più attesa dell’anno ancora più affascinante ai miei occhi.

Mentre scrivo queste riflessioni, vi confesso che ho l’animo felice per le emozioni che zampillano dall’animo nel rievocare quei momenti, quelle immagini, quei suoni e quegli odori. Oggi, invece, sembra che lo “Spirito” del Natale sia affievolito.  Proprio l’altro giorno, mentre ero in un negozio, facevo questa considerazione: il Natale è sempre più una corsa agli acquisti, colpa anche della televisione e della pubblicità che fanno vivere il Natale come una festa associata al consumismo! Ma nonostante tutto la magia del Natale è nel suo spirito che mi pervade ogni anno.

Il ritrovarsi in famiglia, lo stupore che provo nel vedere le luci e gli addobbi natalizi. Insomma il lasciare il mio animo libero di emozionarsi di gustare la sorpresa anche in un piccolo regalo, povero ma fatto con il cuore. Auguro a tutti un Santo Natale di amore e speranza. Amore perché senza di esso saremo dei freddi automi, l’amore che non ha limiti simile al calore del sole nel caldo estivo. La speranza, che ci aiuta a vedere e ad affrontare la Vita con ottimismo e con passione, ci aiuta ogni giorno a darci energia per vivere la Vita quotidiana. Buon Natale! (blog di Giorgio Cortese).

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
11
Trovo agghiacciante che un calciatore professionista guadagni più di un medico, più di un infermiere, più di un carabiniere o di un vigile del fuoco...
LUG
3
Spero che questa persona, mio concittadino, non sia morto invano. Spero che adesso, per quel sottopassaggio della morte, si prendano gli opportuni ed inderogabili provvedimenti...
GIU
22
La proposta letta sui media di schedare i Rom, mi ha fatto riflettere sul significato della parola scheda che deriva dal greco e indica un rettangolo di carta o di cartoncino di dimensioni varie...
GIU
8
Nella nostra lingua, la varietà di significati è meno vasta rispetto all'inglese, utilizziamo il termine shock per indicare un'emozione improvvisa e violenta, che urta, come effettivamente vuole l’origine della parola...
MAG
31
Le difficoltà nella creazione del nuovo governo che si protraggono da quasi 3 mesi hanno di nuovo portato alla ribalta il termine spread
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore