Ma esiste ancora a Favria il bello ed il buono?

+ Miei preferiti
Ma esiste ancora a Favria il bello ed il buono?
Cari concittadini Favriesi dopo la posa della barra dissuasoria per i camion mi domando se esiste ancora il concetto del bello. Sono consapevole che il terreno è insidioso e che nulla è più soggettivo del concetto di “bello”, ma qualche considerazione va pure fatta.  Personalmente, e questa è una mia personale opinione Favria  diventa sempre più “brutta”, infatti conserva, insieme a tante cose belle, bruttezze antiche e sedimentate cui pare abbiamo fatto l’abitudine e ne aggiunge di nuove, come questo ultimo manufatto che mi auguro venga rimosso al più presto.

Purtroppo nel territorio canavesano sovente il brutto e l’inutile, vengono introdotti, come un cavallo di Troia, con la blandizia della gratuità, della serie sì è vero, quella tale “installazione” non è bella a vedersi, ma pagano gli sponsor e non costa nulla ai cittadini. In questa caso specifico mi piacerebbe sapere quanto costa, se è omologato e se nell’installare tale manufatto si è tenuto conto di un costo, che per superficialità si tralascia quasi sempre, il “costo”  del disagio esistenziale nel vederci davanti agli occhi un manufatto che non arricchisce la Comunità ma la impoverisce,  questo dissuasore mi sembra che strida con i buoni propositi del piano del colore  o del disciplinare la posa del fotovoltaico nel centro del paese.

Penso che prima di prendere certe decisioni si potrebbe veramente riprendere il concetto di cittadinanza  attiva che non vuole dire dei referendum ma aprire un dibattito con i cittadini, stare a stare sentire con pazienza e di recepire tutti i suggerimenti con le loro relative motivazioni e nell’ascoltare meno la grigia burocrazia.  Non voglio addentrami in concezioni filosofiche dato che sono un grande ignorante ma rispolverare nella nostra Comunità il concetto kalokagathìa, che significa  il bello e il buono non sarebbe male.. Ne approfitto per chiedere ai concittadini di farsi tutti parte attiva nel proporre dei piccoli e a volte per nulla costosi suggerimenti per abbellire  dove abitano, perché le strade sono nostre, e se le manteniamo pulite e gradevoli anche Favria ne trarrà giovamento e ritorno economico.

Certo  qui parlo della bellezza che percepiamo magari con sensibilità diversa ma con una radice comune che ci unisce. A volte basterebbe poco, delle fioriere e altri piccoli accorgimenti, per attrarre le persone a venire a Favria e perché no a fare degli acquisti da noi.  Ricordo che il commercio è quell’insieme variegato di attività che evita che una Comunità diventi dormitorio, “macte animo” cari concittadini a maggio o massimo giugno andremo a votare, coraggio. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore