Ma i parcheggi sono sempre più blu

+ Miei preferiti
Ma i parcheggi sono sempre più blu
Leggo che in un Comune Canavesano verranno introdotte le strisce blu! Insomma parcheggi a pagamento. Rifletto allora che l’automobile, mezzo ormai indispensabile per muovermi per andare a lavorare, fare esami sanitari o commissioni fuori dal mio Comune di residenza, non è ancora un bene di lusso ma ci si sta avvicinando molto velocemente. E’ questo il destino dell’automobile sempre più alle prese con tasse, accise, tariffe assicurative e strisce blu.

Le strisce blu, il pagare il parcheggio del suolo pubblico solo per permettere all’Ente di fare cassa mi sembra simile ai banni feudali, quando il feudatario riceveva dall’imperatore il diritto di imporre una tassa ad esempio per chi passava  sul ponte che permetteva di entrare in paese, oppure di pagare una tassa per ogni pagnotta cotta nel forno del feudatario che aveva il monopolio del forno.

Le strisce blu mi ricordano anche la famosa canzone di Rino Gaetano che è sempre attuale: “Chi vive in baracca, chi suda il salario, .chi ama i sogni di gloria.. chi mangia una volta (al giorno aggiungo io).., chi tira al bersaglio, chi regna sovrano, chi suda, chi lotta, …chi  gli manca la casa, chi  prende assai poco… Ma il cielo è sempre più blu.” Poi si potrebbe continuare visto il periodo: “Chi vuole l'aumento, chi gioca a Sanremo, chi copia Baglioni”. Ma a chi giova imporre un simile balzello? 

Sicuramente non ai commercianti, visto il periodo poco felice con la crisi che erode gli stipendi come un vorace Cormorano”. Forse c’è come dice Rino Gaetano: “Chi  ha scarsa memoria!” Ma in Comuni limitrofi chi aveva introdotto tale strisce poi è stato “trombato” alle successive elezioni perché siamo cittadini e non sudditi e sappiamo bene che per”Chi ha torto o ragione… chi gioca col fuoco… che il cielo è sempre più blu!” Na na na na na na na na na na... (blog di Giorgio Cortese).

Altri post di Giorgio Cortese
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
AGO
8
Oggigiorno, invece di andare avanti, torniamo indietro e il Canavese viene sempre più marginalizzato negli spostamenti su rotaia... per non parlare di quelli su gomma...
AGO
5
Quando sono arrivato qui la prima cosa che ho visto è la stato lo spazio angusto è il lettino per dormire. Il momento migliore quando arrivava il pasto ed il tempo che non passava mai...
LUG
27
Questa è la serata dell'eclissi di Luna più lunga del secolo. Il cielo (meteo permettendo anche in Canavese) offrirà uno spettacolo unico...
LUG
22
Ogni giorno la vita ci riserva delle soprese e certo non avrei mai pensato di trovare una piccola rondine smarrita a terra dal suo primo volo fuori dal nido
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore