Ma non avete gli occhiali?

+ Miei preferiti
Ma non avete gli occhiali?
I nostri leader Europei hanno un grosso problema di strabismo o miopia e necessitano di nuovi occhiali. In questi mesi si sono preoccupati che il grosso problema economico fosse la piccola Grecia, senza offesa per i greci una pulce nell’economia mondiale, e non si sono resi conto che il dragone asiatico della Terra di Mezzo arrancava e perdeva vigore. Ed ecco il crollo della  Borsa di Shanghai con un  ruzzolone clamoroso, -8,5%! Il risultato peggiore dal 2007.  Oggi tutti i giornali del mondo ne parlano tranne i giornali cinesi.

L’agenzia di stampa  Xhinua e il l Quotidiano del Popol, e i due principali organi della Repubblica Popolare, hanno piazzato la notizia in piccoli spazi sull’angolo delle loro home page.  Un patetico tentativo degno del regime che governa in Cina di  nascondere al mondo quello che il mondo già conosce benissimo e, se gli Usa e L’Europa puntano sulla Cina come motrice per la crescita globale, allora diamo fiducia ad un paese potente quanto inaffidabile. Il regime di Pechino con un  maldestro  tentativo ha cercato di  riprendere il controllo del suo mercato azionario e nello stesso tempo di nascondere l’evidenza dei fatti. I governanti cinesi pensavano di imbrigliare la borsa che dall’inizio della scorsa estate ha guadagnato il 120% in meno di un anno, ma mentre la borsa saliva e le azioni valevano sempre di più, l’economia reale cinese continuava a rallentare e i profitti delle aziende non salivano.

Per risollevarle il regime ha fatto di tutto, sospendendo le contrattazioni di 2.800 società quotate, ha creato un fondo pubblico incaricato di comprare i titoli per farne risalire il valore, ha fatto divieto ai grandi azionisti di rivendere le azioni, obbligo per le imprese di ricomprarli. Pare secondo fonti autorevoli che Pechino ha speso 1.300 miliardi di yuan, cioè quasi 200 miliardi di euro.  Insomma la stessa bolla speculativa che ci aveva già travolti nel 2007. Poi i primi cedimenti a giugno dove la Borsa cinese ha perso il 30% nel giro di tre settimane. A quel punto il governo ha deciso che le azioni, a Shanghai, per un po’ non sarebbero più scese.! Ma, il salvataggio del partito, ha funzionato momentaneamente, perchè i comunisti cinesi non hanno ancora capito che i mercati sono un animale difficile da regolare, noi in Europa abbiamo già dato come detto prima nel 2007,  figuriamoci se è facile domarli del tutto.  

Nessuno ha idea quale danno causerà  all’economia reale cinese lo scoppio di questa “Lehman Brothers della terra di mezzo”. Quello che mi viene da chiedere come mediocre ragioniere, ma possibile che nelle discussioni a Bruxelles il problema principale  per l’economia  dell’Euro fosse la piccola Grecia e nessuno vedeva o sentiva il respiro affannoso del Dragone che non trascinava più l’economia mondiale? Allora il problema con la Grecia era solo politico! Purtroppo, tornando alla caduta del Dragone, il rischio è forte anche per noi europei, che abbiamo il bistrattato Euro  che ci protegge, perché senza questa valuta unica,  in questi anni avremmo fatto default diverse volte. Il rischio è forte anche da noi, l’economia è ancora fragile e non so quali scenari si presenteranno nei prossimi mesi  con una brusca  frenata del Dragone.

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore