Morire nel Terzo millennio

+ Miei preferiti
Morire nel Terzo millennio
La storia dell'umanità, sin dagli albori, è permeata dalla morte che si alterna con la nascita, vita e morte sono la nostra fine ed il nostro inizio. Sin dalle origini, alla morte naturale si è affiancata la morte violenta per opera di qualche fiera. Per rubare e razziare i raccolti, all'inizio, e con la nascita delle prime civiltà, per la bramosia dell'oro e per il bottino di altri esseri umani da ridurre in schiavitù.

A queste tipologie di morti violente si è aggiunto, con il progresso della civiltà, la morte sul lavoro e la morte per incidente stradale. Tutti eventi drammatici ma che hanno una loro triste logica. Morire annegati in un sottopassaggio, nel terzo millennio, in un Paese che si definisce civilizzato... questo No!

E' qui che deve uscire forte la voce del "Bene Comune" sotto l'egida del buon senso quando si effettuano dei lavori pubblici per evitare di lasciare delle simili trappole per l'incauto viaggiatore notturno. Spero che questa persona, mio concittadino, non sia morto invano. Spero che adesso, per quel sottopassaggio della morte, si prendano gli opportuni ed inderogabili provvedimenti arrivando anche alla draconiana misura di chiuderlo per sicurezza! Quando nasciamo sappiamo che dobbiamo morire, ma morire così non si può... (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
SET
28
La notizia datami è simile ad un pugno allo stomaco e mi prende un nodo alla gola a pensare a delle persone che dopo aver lavorato una vita non riescono a tirare avanti...
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore