Noi per gli altri possiamo fare tanto... con poco

+ Miei preferiti
Noi per gli altri possiamo fare tanto... con poco
Giorni addietro ho ringraziato una persona per l’aiuto prestatomi con poco preavviso, per il rispetto che ha prodigato e  ringraziandolo  per l’apporto che ha dato,  perché nella vita solo con l’aiuto degli altri possiamo fare tanto. Questo mio amico che chiamo per riservatezza, ma con un nesso con il significato del suo nome,  “Rilucente”, ha  risposto al mio messaggio che lui aveva fatto poco. Da qui nasce il ragionamento che voglio condividere con Voi. In questa società sempre di più individualistica, sempre di più desertificata nei rapporti umani. Noi cittadini, nelle nostre Comunità, nel nostro piccolo, con poco possiamo fare tanto, possiamo apportare un un grande contributo, mostrando solidarietà verso gli altri.

Proprio perché si vive in una società prevalentemente egoista e non curante di ciò che accade si dovrebbe tentare di aiutare il prossimo sia moralmente che materialmente con un gesto che viene dal cuore senza aspettarci ricompense ma con la consapevolezza di avere contribuito al miglioramento della qualità della vita. Abbiamo bisogno di ritrovare sempe di più lo spirito di squadra e prendo in esempio lo sport dove nei giochi di squadra anche se un giocatore è bravissimo, c'è sempre qualcosa in cui non è molto abile. E tramite il gioco collettivo si riesce a far emergere il meglio di ognuno, sopperendo ai suoi difetti con le doti di un altro. Credetemi trovo ridicolo  il detto che l'importante non è vincere, ma partecipare. Vincere nella vita  è essere consapevoli di avercela messa tutta, di aver superato i propri limiti, di non aver mai mollato e saper riconoscere la superiorità dell'avversario.

La squadra, il gruppo, servono a condividere le vittorie, ma soprattutto aiutano a elaborare le sconfitte. Insomma la squadra, l’associazione di volontariato o la Comunità in cui viviamo la posso definire una straordinaria fabbrica di emozioni. La condivisione delle emozioni aumenta l'effetto delle stesse e mi aiuta a vivere la vita, la quotidianità, in modo più intenso, come se ogni istante rappresentasse un'azione di gioco, della partita della vita che è la vittoria più importante. Ma, ricordate che  raggiungere i propri obiettivi e superare i propri limiti, aiutati dalla squadra, lo è ancora di più!  Ho letto in un libro americano questa frase che mi aveva molto colpito: “La forza del lupo è il branco, e la forza del branco è il lupo”.

Certo se va tutto bene, ci si dimentica del poco dato, che sommato al poco di tutti, diventa veramente tanto. Ma in caso di difficoltà che si vede se c’è davvero lo spirito di squadra che aiuta a superare i malumori. Gli errori che si commetono nella vita segnalano la necessità di apportare modifiche, in modo di mettere in moto le risorse e le soluzioni necessarie per ottenere il miglior risultato possibile, risorse che, a volte, non si sa neppure di avere. La tattica nell’affrontare le quotidiane difficoltà è il valore aggiunto nella vita di noi cittadini, volontari, giocatori,  perché anche se un giocatore è bravissimo c’è sempre qualcosa in cui  è meno abile e tramite il lavoto collettivo si riesce a far emergere il meglio di ognuno, sopperendo ai suoi difetti con le doti di un altro.

In conclusione sia indivualmente che in gruppo, il nostro piccolo poco porta alla valorizzazione delle qualità individuali nell’ambito della crescita globale delle persone che sono intorno a noi, sempre con il rispetto per il proprio e l’altrui impegno rimanendo concentrati e dando il massimo con la  motivazione a non mollare mai, neppure nei momenti più difficili, insomma con il nostro poco usiamo sempre il cervello per vincere tutti assieme. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
AGO
8
Oggigiorno, invece di andare avanti, torniamo indietro e il Canavese viene sempre più marginalizzato negli spostamenti su rotaia... per non parlare di quelli su gomma...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore