Non perdiamo il treno

+ Miei preferiti
Non perdiamo il treno
Dopo il Pendolino e l’Italo ecco che parte con le solite zavorre delle polemiche da guelfi e ghibellini l’Italicum, una delle ultime occasioni che abbiamo nel Patrio Stivale per dare una svolta definitiva alle tiritere che negli ultimi venti anni, e non solo, hanno bloccato pesantemente la classe politica italiana portandoci all’attuale situazione. 
 
Forse l'Italicum, il modello proporzionale di riforma elettorale da approvare entro le prossime elezioni europee, non sarà la migliore riforma del mondo ma concretamente è una sterzata sul binario dell’immobilismo politico. Con questa legge siamo certamente dentro i confini della Costituzione, la soglia minima per accedere al premio e di limitare il premio stesso. Se il treno arriva a destinazione ci sarà una soglia elettorale che prima non c'era e una limitazione del premio che prima non c'era. Certo non si può avere tutto, forse la nostra Patria avrebbe anche adesso un disperato bisogno di fare una grande coalizione per governare guardando lontano e non i soliti governicchi appoggiati da maggioranze eterogenee e incapaci di governabilità.
 
A mio modesto parere la critica sull'assenza di preferenze è stupefacente perché tutte le grandi democrazie europee hanno liste bloccate. Le preferenze sono una grande anomalia italiana. Siamo proprio di memoria corta, il movimento referendario venti anni fa nacque proprio contro le preferenze, ma nel 1991, il quesito referendario è sopravvissuto alla falce della Cassazione e riguardava la preferenza plurima a favore di quella unica. Le liste corte, ritengo che siano migliori del sistema delle preferenze che alla lunga distrugge la coesione interna ai partiti e crea dei meccanismi di clientelismo e uso distorto del voto. 
 
La storia che è maestra di vita, mi insegna che quando si sono da discutere e fare delle riforme costituzionali o delle leggi elettorali i Paesi che venivano da regimi non democratici, oltre la famosa cortina di ferro, hanno discusso con chi c'era. L’esempio della Polonia dovrebbe farci riflettere quando Solidarnos si è messa al tavolo con il generale Jaruzelski che aveva fatto il colpo di Stato, ed aveva avuto contro di loro il pugno di ferro. In Spagna, i partiti democratici di sinistra spagnoli si erano messi al tavolo con gli eredi del Franchismo. Se c'è da fare un'intesa di sistema si fa con chi rappresenta le altre forze. 
 
Speriamo che l’Italicum non deragli per colpa dei soliti sabotatori. Per loro il prossimo treno si chiama sfracellum.
Altri post di Giorgio Cortese
MAR
18
Ricordo a chi mi legge che nessuno di noi è un’isola, completo in se stesso, ma siamo tutti dei pezzi che contribuiamo a rende migliore il luogo dove siamo nati o dove abbiamo deciso di abitare
FEB
27
La cosa che mi fa più rabbia è che la gente non è per niente consapevole di quel che dice e scrive, non si rende conto delle rappresentazioni sociali che stanno dietro alle loro parole
FEB
14
Buon San Valentino a tutti gli esseri umani che credono nella forza del cuore e dell’amore...
FEB
3
Oggi certi governanti hanno capito, intelligenti loro, che non debbono dare nè pane, nè divertimenti ma solo illusioni, chiacchiere, comunicati stampa e false promesse
GEN
21
È impressionante la debolezza dell'umanità nei confronti delle forze della natura. La neve, il terremoto, il fuoco, l’acqua in pochi minuti si impadroniscono della nostra vita...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore