Piccola riflessione

+ Miei preferiti
Piccola riflessione
Piccola riflessione, senza alcuna pretesa, sui recenti episodi di violenza sulle donne che sono spesso presentati con la parola femminicidio. Si, il femminicidio sta uccidendo sempre più donne sul territorio italiano per non parlare nel mondo. Molti dei delitti che mi circondano sembrano il frutto sinistro del decomporsi della gioia, del venire meno dei rapporti e delle relazioni, siano esse amorose, commerciali, e anche politiche. Una violenza cieca e senza premeditazione che, in questa sua semplicità, appare ancor più immotivata e incomprensibile. Quello che sento dai media è il cercare sempre di dare spiegazioni ad un fenomeno che mi fa vergognare come maschio per  l’incapacità di questi maschi di costruire una relazione sana con la compagna, accettandone l’esercizio della nuova autonomia femminile che si sta diffondendo nella nostra società. 
 
Molti uomini, troppi continuano a vedere le donne come loro proprietà e non riescono ad accettarne prese di posizione, spazi di vita personali e rifiuti. Per certi immondi individui, permettetemi ma non li posso chiamare uomini, per questi esseri schifosi la ferita patita, in termini di narcisismo, orgoglio, prestigio, possesso, è talmente potente e profonda da non ammettere mediazioni. E’ un eliminare per ribadire un potere, il sudicio potere dell’assassino che pensa così di negare, in via definitiva, la libertà dell’assassinato. La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci e contro le  donne è una delle più vergognose violazioni dei diritti umani. Quando si violentano, picchiano, storpiano, mutilano, bruciano, seppelliscono, terrorizzano le donne, si distrugge l’energia essenziale della vita su questo pianeta. Si forza quanto è nato per essere aperto, fiducioso, caloroso, creativo e vivo a essere piegato, sterile e domato.
 
Ritengo che alle donne si debba sempre rispetto perchè per coraggio di abnegazione sono sempre superiori all'uomo, così come credo certi uomini lo sono rispetto alle donne per la loro bestiale brutalità nei loro confronti. Volevo scrivere questa breve riflessione di solidarietà alle donne contro questi esseri schifosi ribadendo che sarebbe ora di dire basta! Oggi gli strumenti ci sono per ripensare in modo corretto ai  rapporti tra uomo e donna perridare senso alle frasi dei nostri vecchi: “le donne non si toccano nemmeno con un fiore”, e assieme di fare tutti uomini e donne un passo avanti. Lavorando, tutti e tutte assieme, per costruire una parità reale. Mettendo da parte tutti gli stereotipi ormai logori della donna angelo del focolare e di esigere che da adesso il  linguaggio della comunicazione, in testa quello della pubblicità la smetta di mercificare il corpo delle donne. (blog di Giorgio Cortese)
Altri post di Giorgio Cortese
GEN
21
È impressionante la debolezza dell'umanità nei confronti delle forze della natura. La neve, il terremoto, il fuoco, l’acqua in pochi minuti si impadroniscono della nostra vita...
GEN
10
La morte di un giovane venticinquenne strappato all'affetto dei suoi cari per una malattia fulminante non può ridursi a un fatto di cronaca
GEN
4
Dopo la posa della barra dissuasoria per i camion mi domando se esiste ancora il concetto del bello. Sono consapevole che il terreno è insidioso...
DIC
20
Anche quest'anno Ti scrivo questi miei piccoli pensieri sperando che vengano esauditi in parte
DIC
14
Una delle decorazioni natalizie più usate per addobbare le case durante le feste di Natale è la ghirlanda, tradizionalmente di forma rotonda e realizzata in legno, agrifoglio, stoffa e tanti altri materiali
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore