Protezione e prevenzione

+ Miei preferiti
Protezione e prevenzione
In queste giornate di pioggia e di disastri  nell’Italico Stivale ci accorgiamo che abbiamo degli angeli che sotto la pioggia ed in mezzo al fango vegliano sulla nostra sicurezza: sono i volontari di Protezione Civile. Loro non fanno politica, lavorano sodo! Loro non fanno proclami della serie mai più condoni edilizi! Loro prevengono anche dove il territorio è ammalato di costruzioni fatte in luoghi dove non si doveva costruire. Loro non si lamentano delle opere mai fatte per la sicurezza, lavorano duro ed in silenzio per la nostra sicurezza.
 
Purtroppo c’è sempre la mano dell’uomo, che non mette in sicurezza o toglie sicurezza. Vale per le alluvioni, e anche per i terremoti.  Quando avviene un terremoto, la colpa non è del fenomeno naturale ma perché quelle case cadute non erano antisismiche  in un’area sicuramente sismica. Quando certe zono zone abitate sono preda di esondazione dei fiumi e delle rogge, la colpa non è dell’acqua ma di chi ha permesso di costruire in luoghi soggetti ad esondazioni, di chi ha intubato in maniera innaturale gli stessi corsi d’acqua.
 
Ma allora di domando quanto serve gridare "al lupo al lupo"? È la domanda che mi pongo in questi giorni dopo aver letto suoi giornali fosche previsioni. Ritengo che gli allarmi non siano inutili e bene ha fatto la protezione civile a darne un continuo aggiornamento con  tempestività cronologica e puntuale. Penso che sia meglio allarmarsi prima che, poi dopo piangere i morti ed i danni e protestare. Certo prevedere non è possibile, ma prevenire sì. E anche abituarmi a convivere, allarmi compresi, con una natura che spesso per colpa dell’uomo può farmi  molto male.
 
Concludo ringraziando pubblicamente  i volontari di protezione civile  Comunale e quelli della Fenice che non fanno solo il loro dovere, ma con umanità e spirito di sacrificio durante le emergenze rappresentano davvero  una catena di solidarietà, pronta a mettersi in moto in qualsiasi giorno e in qualsiasi ora, con uomini capaci di donarsi e di sacrificarsi.
Altri post di Giorgio Cortese
OTT
18
Passato, presente futuro, un po' di tutto, un po' di niente. Il pensiero non trova spazio. E’ di notte che si percepisce meglio il frastuono del cuore...
SET
28
La notizia datami è simile ad un pugno allo stomaco e mi prende un nodo alla gola a pensare a delle persone che dopo aver lavorato una vita non riescono a tirare avanti...
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore