Ribaldo maramaldo

+ Miei preferiti
Nella vita di ogni giorno incontriamo decine di persone, alcune ci aiutano altre passano senza lasciare traccia. Altre ancora, infine, fanno male come i ribaldi maramaldi. Ribaldo  deriva dall’antico provenzale ribaud che deriva a sua volta dal gotico hriba, che aveva come significato originario prostituta. Certo che con dei natali così la parola era già sulla cattiva strada, nel 1200 in Francia delle milizie leggere medievali, erano così chiamati i soldati, di umile condizione, ai quali era affidato il compito di dare inizio alla battaglia, o che andavano saccheggiando al seguito dei cavalieri, e anche i servi, i predatori, la folla e tutti i non combattenti che, seguendo le milizie, riuscivano a entrare negli accampamenti.. Oggi con questo lemma si designa chi  vive alla giornata, di ruberie, imbrogli e altre attività disoneste.

Ed i novelli ribaldi  sono le persone che mentono. Già la menzogna è un  concetto che da sempre se da una parte ci affascina, quando la leggo nei libri,  al tempo stesso quando la sperimento sulla mia pelle mi ferisce. Di fronte alla menzogna abbiamo solo due mosse, o restare fedeli alla realtà o costruire intorno a se stessi un castello di inutili bugie. Ma, quello che mi fa poi scegliere nella scelta è l’educazione e la maturità, ma vedo molte persone che cadono con frequenza a questa tentazione. Oggigiorno, l’attuale società, sembra quasi che premi chi mente, sapendo di mentire e anche chi tace la verità. Spesso mi chiedo quale sia la causa della sfiducia che mina i rapporti e le relazioni di oggi,e anche con le  istituzioni,  ma a questo punto mi sembra evidente: la precedente certezza che “mentire è sbagliato” è stata accantonata e al suo posto sono sorti i “se” e i “ma” che portano, quasi inconsciamente, ad accettare una menzogna.

La fiducia non ha più una base di verità su cui essere costruita, ecco perché crolla tutto. Adesso sembra quasi che il  giudizio sul mentire non è più sentito dai molte persone come negativo in modo assoluto, bensì è definito dallo scopo delle bugie, si distinguono quindi in “buoniste”, quelle dette a fin di bene, e ormai accettate da tutti, e quelle cattive, che chiamo maramaldo, dal nome  di Fabrizio Maramaldo, capitano di ventura, il quale nella battaglia di Gavinana del 1530 uccise crudelmente il condottiero avversario Francesco Ferrucci, già gravemente ferito, insomma delle bugie dannose, che rischiano di uccidere degli animi già provati Ma tornando alla suddivisione delle bugie la ritengo davvero pericolosa, mi domando qual è il confine netto  tra bugia “buonista” ed una “maramalda? Ma fino a che  punto è accettabile che si menta e quando diventa una faccenda da sanzionare?

Senza dimenticare che prima o poi tutti incontriamo dei mentitori  patologici, persone che mentono per  raggiungere uno scopo, senza  curarsi delle conseguenze. Ed è per questo che il linguaggio politico è concepito in modo che le menzogne suonino sincere e l'omicidio rispettabile, e per dare una parvenza di solidità all'aria certi politici  sotto le elezioni sono simili al pastore  che cerca sempre di convincere il gregge che l'interesse delle pecore ed il proprio siano gli stessi. Ma attenzione, nessuno può a lungo avere una faccia per sé stesso e un'altra per il popolo, senza rischiare di non sapere più quale sia quella vera. Se non si corre ai ripari e duratura su cui poter procedere raccontando la verità, la Nostra Patria rischia di diventare sempre di più il paese della menzogna, dove la verità viene considerata una malattia

Altri post di Giorgio Cortese
GEN
10
La morte di un giovane venticinquenne strappato all'affetto dei suoi cari per una malattia fulminante non può ridursi a un fatto di cronaca
GEN
4
Dopo la posa della barra dissuasoria per i camion mi domando se esiste ancora il concetto del bello. Sono consapevole che il terreno è insidioso...
DIC
20
Anche quest'anno Ti scrivo questi miei piccoli pensieri sperando che vengano esauditi in parte
DIC
14
Una delle decorazioni natalizie più usate per addobbare le case durante le feste di Natale è la ghirlanda, tradizionalmente di forma rotonda e realizzata in legno, agrifoglio, stoffa e tanti altri materiali
NOV
29
Non è la riforma che avrei voluto ma almeno ci aiuta a fare un passo fuori dalla palude dei veti incrociati, dove ci sono ragnatele di potere che non vogliono mai nessuna riforma per non perdere i loro personali benefici
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore