Riflessione

+ Miei preferiti
Martedì sera 27 maggio è mancato mio papà, pensavo di essere una persona razionale e fredda, ma in quei momenti l’angoscia ha il sopravvento su tutto. Nella notte a mente fredda riflettevo  sulla vita terrena di mio papà classe 1921 a luglio avrebbe compiuto 93 anni. La morte di  un genitore lascia un grande vuoto che viene colmato subito dal dolore e poi colmato nell’animo dal ricordo dei suoi insegnamenti e del suo esempio.

Mio papà è passato dal sonno alla morte, ecco la  vita di una persona consiste in un insieme di avvenimenti di cui l'ultimo potrebbe anche cambiare il senso di tutto l'insieme e questo mi fa meditare sulla fine e sul fine della vita. Mi fa pensare e mettere a fuoco la mia umana esistenza,  nella consapevolezza che ogni evento della mia storia personale è un po' come un atomo o una cellula: estremamente minuscola, eppure capace di rivelarsi un microcosmo. Non mi stanco di ripeterlo che si vive un periodo storico che grazie ad internet si sa tutto e di tutti in tempo quasi reale ma viviamo anche un tempo in cui si sorvola su tutto, si banalizza tutto, si archivia subito tutto nel retrobottega della dimenticanza.

E invece ci sono fatti che possono cambiare non solo la direzione di una vita, ma anche il significato di tutto ciò che si è finora compiuto. A maggior ragione l'ultimo atto, quello che suggella l'intero arco dell'esistenza. In questi momenti di lutto il pensiero della morte è un disturbatore necessario  mi da una scala diversa dei valori, mi libera  da paure inutili e da meschinità, mi fortifica nell'agire in modo giusto, degno e pieno

 

Altri post di Giorgio Cortese
OTT
17
Sono passati cento anni dalla Rivoluzione d'Ottobre. Personalmente lo ritengo un disastro storico, sia per il popolo russo che per l'Europa intera...
OTT
8
E’ arrivato l'autunno, e cadono le castagne. Ma a Favria la Pro Loco ne ha già raccolte molte per la tradizionale castagnata di domenica 22 ottobre
SET
24
Il recente e purtroppo non ultimo scandalo della sanità, sulle protesi usate sui pazienti come cavie mi ha fatto ricordare il libro Steinbeck: Uomini e topi
SET
15
Sul territorio Canavesano verrà costruito un nuovo centro commerciale. Ritengo i grandi centri dei luoghi dove le relazioni umane sono inesistenti, uno spazio fisico che è il non luogo, contrapposto ai classici luoghi di incontro
SET
7
Il Canavese è la nostra terra e chi viene ad abitare qua deve vivere con le nostre regole, se qualcuno cerca di imporre le proprie evitiamo di sentirci colpevolizzati come razzisti...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore