Sciacallo? No mascalzone!

+ Miei preferiti
Sciacallo? No mascalzone!
La notevole diffusione dello sciacallo, unita alla sua abitudine di cibarsi di animali morti, ha fatto di questo animale una presenza importante nella cultura popolare. Gli Egizi identificavano con uno sciacallo il dio Anubi signore della morte e dell’oltretomba. Oggi nel linguaggio comune, il termine "sciacallo" viene spesso usato in senso denigratorio per riferirsi a persone, soprattutto per indicare chi trae in qualche modo giovamento dalle difficoltà altrui.

Deriva da quest'uso anche la parola sciacallaggio che si riferisce a chi depreda la proprietà altrui in occasione di catastrofi o altri eventi eccezionali. Ma, forse, per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, che deriva dall’alterazione di maniscalco (garzone di stalla) e la parola scalzo, ovvero persona  priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste.

Senza offendere lo sciacallo, quindi, che almeno una sua dignità come animale ce l'ha, al contrario di certi simili che l’hanno smarrita con la morale: perché se la  fame viene e passa, la dignità una volta persa non torna più... (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
MAG
30
Trovo attualmente che ci sia in Favria un clima surreale, tante persone che incontro si lamentano ma non vogliono mettersi in gioco... chissà poi perché!
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore