Scioccato

+ Miei preferiti
Scioccato
Un recente incidente avvenuto mi ha scioccato: anche se non sono stato testimone dell’evento ma sono passato sul luogo dell’episodio poco dopo. Questa emozione fisica mi ha turbato. La parola inglese choc deriva dal francese choquer, urtare qualcosa con più o meno violenza, causare un trauma a qualcuno,  di origine probabilmente olandese. Le evoluzioni compiute da questa parola attraverso i confini linguistici, spesso ammirevolmente blandi, sono affascinanti. Nella lingua inglese il termine si arricchisce di significati a partire dal secolo XVI, quando indica letteralmente uno scontro, un impatto violento tra truppe o tra soldati.

Siamo da poco usciti dal medioevo ed il lessico è ancora fortemente legato alla concretezza del campo di battaglia, alla collisione dei corpi. Nella nostra lingua, la varietà di significati è meno vasta rispetto all’inglese, utilizziamo il termine shock per indicare un’emozione improvvisa e violenta, che urta, come effettivamente vuole l’origine della parola, intensamente la mia sensibilità, sconvolgendomi. La parola è di impatto immediato, choc, breve, sordo e rappresentativo dell’urto improvviso e intenso,  che rende meglio rispetto ai possibili sinonimi italiani come colpo, emozione, scossa, trauma, turbamento. 

Tornando al mio sentimento iniziale non ho parole da scrivere ma un semplice sentimento nell’augurare con un'emozione genuina che sgorga dal profondo del mio cuore che il conducente dell’auto ritrovi la tranquillità, una pronta e lieta guarigione alla piccola e di ritrovare calma ai genitori in questi drammatici momenti. Non oso pensare da quali preccupazioni vengono assaliti. Speriamo bene perché la vita di ognuno di noi è qualcosa di speciale, unico e irripetibile. (blog di Giorgio Cortese).

Altri post di Giorgio Cortese
NOV
11
Alla parola valori aggiungiamo un aggettivo fondamentale: Alpini la cui essenza sono tradizioni, educazione, dignità, gratuità e di forza
OTT
27
Il 4 novembre nasce come la festa che ricorda il cosiddetto armistizio di Villa Giusti, quindi ci riporta ad una data precisa, il 4 novembre del 1918...
OTT
11
Ho letto o con malinconia nell'animo quanto è successo in Sassonia, del solito «maligno perdente» di turno che ha cercato di fare una strage...
SET
24
Da bambino vicino ai bar del mio paese natale, mentra calciavo la palla con i miei amici, notavo a volte degli anziani intenti a raccogliere le cicche delle sigarette usate dagli avventori...
SET
9
Ritengo che il rispetto per i defunti indichi il grado di civiltà di un Paese, il legame misterioso e continuo tra la realtà e l'aldilà segna chi prima o poi ne viene a conoscenza...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore