Se piove a San Medardo...

+ Miei preferiti
Se piove a San Medardo...
Eccoci a giugno, il mese che gli antichi Romani dedicavano alla dea Giunone, la dea delle donne, una delle tre divinità più importanti del Pantheon romano. Una delle divinità della potente  Triade  formata da Giove, Minerva e Giunone, appunto. Perciò questo mese veniva chimavato in latino Iuniu. Ai tempi di Ovidio non se ne conosceva la vera etimologia tant'è vero che il poeta dei Fasti elencava addirittura tre interpretazioni: sarebbe derivato appunto da Iuno, Giunone; oppure dagli iuniores, i giovani, in contrapposizione a maius, maggio, quale mese dei maiores, gli anziani.  
 
Ma ritengo carino pensare che derivi proprio dal nome della grande divinità femminile, anche perché,  se presto fede a Plutarco, costui consigliava  alle donne di sposarsi nel mese di giugno,  sacro a Giunone, la dea dei matrimoni, forse perchè era sposata con Giove. A giugno nella a memoria popolare, passati oltre quattro secoli, permane ancora la tradizione quando la ricorrenza liturgica dei santi Medardo e Barnaba cadeva a ridosso del solstizio d’estate. Alla fine del medioevo fino al 1582, quando entra il vigore il calendario gregoriano, che usiamo anche adesso, il solstizio d’estate non era il 21 giugno ma con il calendario giuliano cadeva tra l’otto ed il 10 di giugno, in questo calendario c’era una oscillazione di date data la sua imperfezione astronomica. Ecco allora l’origine del proverbio “Sa pióu a San Medàrd, quaranta dì na vó part”, vale a dire: “Se piove a San Medardo, 8 giugno, continuerà a piovere per quaranta giorni”, letteralmente: “quaranta giorni vogliono la loro parte. 
 
Per San Barnaba esisteva anticamente il proverbio: "Per San Barnabà il più lungo della ‘stà'” quando allora il solstizio d’estate cadeva 11 giugno, e che poi è stato riaggiustato con il detto: “Sa pióu a San Midàrd pa quaranta dì na vó part, ma i è Barnabè ca i cupa i pè”, ossia: “Se piove a San Medardo, continuerà a piovere per quaranta giorni, ma c’è San Barnaba, 11 giugno, che gli taglia i piedi”, nel senso che se a San Barnaba fa bello, s’interrompe il cattivo tempo, perché San Barnaba disfa quello che ha fatto San Medardo. San Medardo è il santo franco del bello e del cattivo tempo. Ancora oggi in Francia è considerato l’artefice delle piogge, patrono dei birrai.
 
Il nome Medardo ha origine germanica e trae la sua origine da Machthard, giunto in italiano tramite il francese Médard, composto dalle radici macht: “forza, possanza e hard, coraggioso, valoroso. Il significato complessivo può essere interpretato come “forte nel potere”, “governante forte”. Barnaba deriva dal greco Barnabas, a sua volta proveniente dall’aramaico, figlio del profeta o figlio della profezia.  Una cuoriosità nel romanzo di Italo Calvino: Il visconte dimezzato”, il protagonista di chiama il visconte  Medardo di Terralba. Come si vede i proverbi popolari con il loro fascino di sintesi, magari con belle assonanze fonetiche, se non addirittura con versi in rima fanno parte della nostra cultura e del nostro folklore. (blog di Giorgio Cortese)
Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore