Sgonfiamo l'inumanità del calcio

+ Miei preferiti
Sgonfiamo linumanità del calcio
Leggo sui social dell'acquisto della stella del Real Madrid da parte della Juve. Premesso che sono gobbo, mi chiedo se adesso con tante persone che hanno un lavoro precario o non ce l’hanno, è ancora tollerabile che esistano certe perverse logiche economiche nel mondo del calcio, con queste assurde cifre per il cartellino di un giocatore... 
 
Siamo proprio arrivati al basso impero: allora nell’antica Roma si distribuiva pane e giochi del circo, e per distrarre i cittadini romani di allora si mandavano i cristiani nel circo ad essere sbranati dai leoni. Adesso si pagano cifre folli per giocatori di calcio e si agita il drappo degli immigrati per nascondere i reali problemi. Il mondo del pallone va sgonfiato! Pagare certe somme è uno scandalo pazzesco, uno schiaffo a tutti gli italiani che sono in difficoltà economica! 
 
Ai cassa-integrati, agli esodati, ai disoccupati, ai precari, ai pensionati con la pensione minima sociale! Il calcio non è un business, ma un gioco sano e bello! Il Patrio Stivale del Calcio è opulento e sprecone. Trovo agghiacciante che un calciatore professionista guadagni più di un medico, più di un infermiere, più di un carabiniere e tutti i tutori delle forze dell’ordine che rischiano la pelle tutti i giorni, più di un vigile del fuoco! Ogni giorno si parla di crisi, di evasione fiscale, di povertà e poi si sentono queste notizie... Vergogna! 
 
Date i soldi ai poveri pensionati che vivono con 500 euro al mese! Pagano bollette, affitti ed in più devono vivere! Queste azioni sono antieducative. Purtroppo il dio denaro ha modificato il vero valore dello sport e degli sportivi, quel valore "sano" che esisteva allora quando di soldi ce n'erano pochi! Chi gestisce il potere economico in questo settore deve avere davanti alla propria coscienza la situazione economica molto critica del nostro paese, ogni giorno; avere davanti non i giocatori sopravvalutati che creano, involontariamente, squilibri incredibili nella nostra società, che è un'altra casta, ma giovani sportivi che non riescono a raggiungere e crescere il proprio talento, per la solita frase, "non ci sono i soldi...".
 
Stiamo perdendo le misure in ogni campo. Certo, il calcio piace però a tutto c'è un limite, anche quello della decenza. (Giorgio Cortese)
Altri post di Giorgio Cortese
SET
28
La notizia datami è simile ad un pugno allo stomaco e mi prende un nodo alla gola a pensare a delle persone che dopo aver lavorato una vita non riescono a tirare avanti...
SET
16
Oggi voglio parlare di due manufatti pubblici, che appartengono a tutti noi, una semplice fioriera ed un breve tratto di marciapiede, sui quali cade la nostra attenzione...
SET
3
Davanti ho un signore con un bambino. Vedo che estrae dalla tasca un pacchetto di sigarette e se accende una... Poi con nonchalance prende il pacchetto e lo butta per terra...
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore