Siamo tutti allevatori

+ Miei preferiti
Siamo tutti allevatori
Domenica 12 aprile a Favria ho ascoltato con le mie orecchie l’ignobile attacco agli allevatori Favriesi in occasione della Fiera Agricola di s. Isidoro, pomeriggio battaglia delle reines. Forse le persone che beceramente insultavano e denigravano il lavoro di questa millenaria cultura, che sono le nostre radici, non si rendono neanche conto che cosa vuole dire lavorare la campagna, fare l’allevatore di mucche da latte o di bovini all’ingrasso destinati alla macellazione. 
 
Voglio ricordare che se l'uomo primitivo non avesse cacciato per mangiare e per coprirsi dal freddo, la sua sorte sarebbe stata altra, molto probabilmente non avremmo inventato internet e saremo ancora nelle caverne e forse non sarebbe venuto a Favria a manifestare con le comode auto! Grazie agli animali abbiamo costruito la nostra attuale civiltà, fatta di caccia e poi aratura dei campi, e allevamento. L’agricoltura sono le nostre radici e di fronte all’attacco di lavoratori che si svegliano al mattino prestissimo per accudire gli animali con passione, senza tenere conto né dell’ora legale ne del Santo Natale e di Capodanno. 
 
Nella stalla bisogna mungere tutti i giorni, portare il foraggio e la paglia e tenere la stalla sempre pulita e poi si deve fare il fieno, il secondo e terzo taglio, la raccolta del mais e sicuramente queste gli allevatori non sanno che cosa sia una vacanza al mare o in qualche luogo esotico all’estero. Questi incoscienti che dicono con arroganza delle insulsaggini senza senso solo perché hanno in mano un megafono forse non si rendono conto  della fatica, e della passione e dell’amore per gli animali che guida gli allevatori favriesi. Si perché chi alleva gli animali per il latte o per la carne e  mangia la carne degli animali li ama e li rispetta allo stesso modo di chi mangia solo verdure, ma  soprattutto rispetta la storia, l'evoluzione e la memoria dell'uomo. 
 
Per gli allevatori di Favria e per tutti i contadini chiedo rispetto e dico pubblicamente che di fronte a questi attacchi va tutta la mia solidarietà, vicinanza e sostegno al lavoro che tutti i giorni svolgono, perché siamo tutti allevatori.
Altri post di Giorgio Cortese
SET
24
Il recente e purtroppo non ultimo scandalo della sanità, sulle protesi usate sui pazienti come cavie mi ha fatto ricordare il libro Steinbeck: Uomini e topi
SET
15
Sul territorio Canavesano verrà costruito un nuovo centro commerciale. Ritengo i grandi centri dei luoghi dove le relazioni umane sono inesistenti, uno spazio fisico che è il non luogo, contrapposto ai classici luoghi di incontro
SET
7
Il Canavese è la nostra terra e chi viene ad abitare qua deve vivere con le nostre regole, se qualcuno cerca di imporre le proprie evitiamo di sentirci colpevolizzati come razzisti...
SET
2
Sono Canavesano e sinceramente innamorato del territorio in cui vivo e a volte rimango amareggiato e anche confuso nell'animo, nel vedere quanto sia distante la classe politica dai problemi reali del territorio
AGO
20
Pertanto, il rispetto delle regole, così come il rispetto per gli altri, va insegnato e coltivato sin dalla più tenera età sempre usato come stella polare e non in base alla convenienza del momento...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore