Siamo tutti allevatori

+ Miei preferiti
Siamo tutti allevatori
Domenica 12 aprile a Favria ho ascoltato con le mie orecchie l’ignobile attacco agli allevatori Favriesi in occasione della Fiera Agricola di s. Isidoro, pomeriggio battaglia delle reines. Forse le persone che beceramente insultavano e denigravano il lavoro di questa millenaria cultura, che sono le nostre radici, non si rendono neanche conto che cosa vuole dire lavorare la campagna, fare l’allevatore di mucche da latte o di bovini all’ingrasso destinati alla macellazione. 
 
Voglio ricordare che se l'uomo primitivo non avesse cacciato per mangiare e per coprirsi dal freddo, la sua sorte sarebbe stata altra, molto probabilmente non avremmo inventato internet e saremo ancora nelle caverne e forse non sarebbe venuto a Favria a manifestare con le comode auto! Grazie agli animali abbiamo costruito la nostra attuale civiltà, fatta di caccia e poi aratura dei campi, e allevamento. L’agricoltura sono le nostre radici e di fronte all’attacco di lavoratori che si svegliano al mattino prestissimo per accudire gli animali con passione, senza tenere conto né dell’ora legale ne del Santo Natale e di Capodanno. 
 
Nella stalla bisogna mungere tutti i giorni, portare il foraggio e la paglia e tenere la stalla sempre pulita e poi si deve fare il fieno, il secondo e terzo taglio, la raccolta del mais e sicuramente queste gli allevatori non sanno che cosa sia una vacanza al mare o in qualche luogo esotico all’estero. Questi incoscienti che dicono con arroganza delle insulsaggini senza senso solo perché hanno in mano un megafono forse non si rendono conto  della fatica, e della passione e dell’amore per gli animali che guida gli allevatori favriesi. Si perché chi alleva gli animali per il latte o per la carne e  mangia la carne degli animali li ama e li rispetta allo stesso modo di chi mangia solo verdure, ma  soprattutto rispetta la storia, l'evoluzione e la memoria dell'uomo. 
 
Per gli allevatori di Favria e per tutti i contadini chiedo rispetto e dico pubblicamente che di fronte a questi attacchi va tutta la mia solidarietà, vicinanza e sostegno al lavoro che tutti i giorni svolgono, perché siamo tutti allevatori.
Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore