Supercalifragilistiche spiralidoso

+ Miei preferiti
Supercalifragilistiche spiralidoso
La magia Disney non cessa mai di farsi sentire su grandi e piccini. Pare che sia proprio questo il segreto del papà di Topolino e Paperino, quello di riuscire con le sue storie animate a catturare i più piccoli e nello stesso tempo a farci riflettere noi smaliziati adulti. Ed ecco che ritorna la mitica Mary Poppins, la dolce, magica e unica babysitter nata dalla penna di Pamela Travers, portata sul grande schermo nel 1964 da Disney e interpretata da Julie Andrew.  
 
Mary Poppins ha accompagnato i miei Natali dagli anni settanta e, immancabilmente il film viene riproposto in tv durante le feste, insomma un evergreen intramontabile. Mary Poppins è una figura perenne, e la si può pensare a seconda di come si osserva il personaggio che sia anarchica, femminista, anticlassista, insomma una vera e propria bomba anche per i nostri giorni. Sembra autoritaria e dispotica ma in realtà è regolata solo dal buonsenso e dalla fantasia. E’ una donna che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, neanche dagli uomini, anzi tutti la ammirano e sono in soggezione alla sola sua presenza. Questa strepitosa bambinaia è amica dei poveri spazzacamini mentre sbeffeggia con ironia la borghesia per la quale lavora. Personalmente, ogni volta che guardo il film di  Mary Poppins ho una sana iniezione di ottimismo contagioso. Già la parola inventata: Supercalifragilistichespiralidoso è una composizione di più parole e modi di dire: Super, sopra,; cali,bellezza; fragilistic, delicato; expiali, fare ammenda; docious, istruibile. 
 
La versione originale è infatti Supercalifragilisticexpialidocious, quindi il significato delle sue parti sarebbe "fare ammenda per la possibilità di insegnare attraverso la delicata bellezza". Una parola fantastica, creativa, un po’ pazza, che non esiste, ma che invece prende vita se la si sa pronunciare. Come a dire che la fantasia e la creatività sta in ogni angolo, fa parte di noi e può migliorarci, anche con una semplice passeggiata nel parco, con la fantasia si può trasformare in una gara di cavalli da giostra. 
 
E’ proprio vero che i messaggi più acuti, che dimostrano una intelligenza straordinaria nell’arrivare al cuore dei problemi dei nostri giorni, nel film sono quelli sulla mancanza di tempo e quelli contro le lobby finanziarie e il denaro. Il padre di famiglia si chiama Banks e lavora in banca e il denaro e il lavoro lo imprigionano in un gabbia, che non esiste, che lo fa stare lontano dai figli, che addirittura gli fanno impedire al figlio di donare due penny per dar da mangiare ai piccioni, perché “i soldi in banca fanno reddito”. È qui, nel finale, che si capisce che è il padre ad aver bisogno dell’aiuto di Mary Poppins, non i figli, e si arriva all’inevitabile lieto fine. 
 
Questa storia ci parla con coraggio di temi universali e anche complessi a fa sì che Mary Poppins riesca a durare nel tempo.  Un bellissimo messaggio del film è la canzone: “Con un poco di zucchero la pillola va giù”  che sottolinea che si può far qualsiasi cosa col sorriso, perfino i lavori più umili e meno comodi come lo spazzacamino, persino prendere una medicina o mettere a posto la stanza. e poi  “Rido da morire” cantata da uno zio che non riesce a smettere di volare perché continua a ridere. Insomma: una risata alleggerisce la vita, la nostra  e di quelli che ci stanno intorno, perché non ne assumiamo una dose quotidiana, fa bene e aiuta a vivere meglio.
Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non è lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre più numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'è un unica armonia tra natura e anima e questa è la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuè Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore