Tra apatica indifferenza e generosa compassione

+ Miei preferiti
Tra apatica indifferenza e generosa compassione
Il recente crudele omicidio avvenuto in Canavese e le esequie tributate alla povera vittima con il lutto cittadino mi fanno riflettere che il nostro quotidiano cammino ondeggia come un pendolo tra indifferenza e lanci di generosa compassione. La logica dell’indifferenza, oggi così diffusa, sembra infiltrarsi nei settori più sottili della coscienza della società. Ci stiamo sempre di più convincendo di essere sempre più liberi, ma in realtà siamo sempre di più indifferenti a tutto quello che ci circonda, adattandoci sempre di più  in un gaudente cinismo. 
 
L'indifferenza, esprime una mancanza di interesse e partecipazione emotiva, ed oggi ritengo che si viva in una società del cosiddetto benessere, che i nostri padri e nonni non potevano neanche immaginare nelle più rosee delle previsioni, ma questa società sempre più liquida  dove pensiamo di essere liberi stravolge sempre di più  l’idea di libertà in indifferenza. Ci ripieghiamo ogni giorno sempre di più sull’individualismo, edonismo, cercando di creare una barriera verso gli altri esseri umani, animali  o ambiente salvo poi rinsavire  quando molte volte ormai il danno è fatto, ed ecco che scatta nei nostri animi una generosa compassione. 
 
La compassione di partecipare alle esequie, di testimoniare vicinanza alla famiglia della vittima che paragonerei all’agnello sacrificale immolato a dei famelici lupi  travestiti da agnelli. E di questi personaggi se ne trovano sulla cronaca nera dei giornali ogni giorno, persone che subdolamente con l’inganno escogitano sempre nuove trovate da malfattori per ottenere i propri abietti scopi con  truffe, raggiri, furti commessi da questi malintenzionati che sfruttano la buona fede delle persone comuni. Queste azioni criminali hanno spesso successo appunto grazie alla velocità di adattamento di questi individui, non merita nemmeno chiamarli esseri umani, rispetto a una meno dinamica capacità di percezione della minaccia, da parte delle vittime inermi, nella maggior parte dei casi anziani o persone affettivamente sole. Che per quanto diffidenti possano essere, difficilmente sono in grado di distinguere se l’agnello che hanno di fronte in realtà é una vorace iena. 
 
Quello che mi domando è perché non riusciamo ad intervenire prima, perché non riusciamo a scorgere tra le pieghe degli sguardi, gli occhi si sa sono lo specchio dell’anima, il loro disagio, il cercare di aiutarli prima per non andare a consolarli per la truffa subita o peggio  piangerli dopo  con i parenti stretti. (Giorgio Cortese).
Altri post di Giorgio Cortese
LUG
21
Forse la madre dei problemi non č lo ius soli o gli immigrati che arrivano sempre piů numerosi ma il diritto al lavoro, lo "Ius ad operandum": il lavoro oggi in Italia non deve essere un dono gentilmente concesso a pochi
LUG
6
Per l’atteggiamento di chi ad una donna in coma taglia il dito per asportare l’anello si potrebbe parlare di mascalzone, ovvero persona priva di scrupoli e di scarso senso morale. Uno che compie azioni disoneste...
GIU
25
Ascoltando il tradizionale concerto bandistico delle Festa Patronale rifletto che c'č un unica armonia tra natura e anima e questa č la musica!
GIU
24
Ogni giorno chi va a piedi o in a bicicletta, cammina o  pedala per lavoro o per hobby deve lottare contro la cronica mancanza di marciapiedi e piste ciclabili
GIU
19
Pensando al mio amato Canavese potrei partire dal “Salve Piemonte” che cantava il poeta Giosuč Carducci nella sua celebre lirica dedicata alle vette, ai ghiacciai e ai fiumi del nostro territorio.
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore