Trabucarsi con l'auto

+ Miei preferiti
Trabucarsi con lauto
Viaggiando per le strade del verde Canavese trovo sempre di più profonde e pericolose buche nelle vie di comunicazione. Premetto che non voglio fare una critica e accusare nessuno ne  i Comuni ne la città Metropolitana, ma i nastri d’asfalto del nostro territorio penso che siano peggiori Kabul nei giorni di guerra!  Un concittadino, persona dotta mi ha suggerito  il lemma trabucarsi, parola rara che deriva da buco, lo spostarsi di  buco in buca.

Già la parola buco e buca simili ed incerta la loro origine. Pare che la parola buco, derivi probabilmente da una parola dall’antico tedesco buch, che indica  in genere un'apertura piccola, stretta, variamente profonda o che va da parte a parte, per lo più tondeggiante , da li l’evoluzione alla parola buca per indicare apertura più larga che lunga. La parola buca ha generato molti modi di dire e si parla di aprire un buco per chiuderne un altro, quando  si cerca  di rimediare a una situazione creando i un altro problema o mettendo in luce una presunta colpa per mascherarne un'altra.

Viene usato generalmente quando si contrae un debito per fronteggiarne uno precedente. È l'equivalente dello “scoprire un altare per coprirne un altro”. Poi magari fanno un miserabile buco nell’acqua e fallisco nel loro inutile tentativo e non riescono a passare per il buco della serratura. Si parla anche di buco di bilancio quando emergono spese non preventivate. Se parliamo del  vivere quotidiano possiamo avere delle ore buche, libere da impegni, cosa rara ,ma non impossibile. In informatica si parla invece di  buchi di un sistema che sono invece delle falle e non permettono a  un programma definito di continuare ad elaborare dati. Per finire esiste anche la buca delle lettere per ricevere  la sempre più rara corrispondenza  cartacea.

Tornando alle Canavesane buche penso che siano simili ai buchi neri perché  mettono a nudo l’incapacità di gestire i nastri d’asfalto, provocando danni ai veicoli, problemi di spina dorsale ai cittadini utenti della strada e fonte di incidenti.  Prima di pensare alle Olimpiadi invernali ed  eventi ludici  sistemiamo le strade necessarie al trasporto quotidiano e indispensabili per andare a lavorare se no chi vuole investire nel territorio ci da buca e noi continuiamo a trabucarci  da buca in buco lasciando che si buchino inutilmente i social con selfie e like. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
AGO
19
«Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori, di trasmigratori...»
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
AGO
8
Oggigiorno, invece di andare avanti, torniamo indietro e il Canavese viene sempre più marginalizzato negli spostamenti su rotaia... per non parlare di quelli su gomma...
AGO
5
Quando sono arrivato qui la prima cosa che ho visto è la stato lo spazio angusto è il lettino per dormire. Il momento migliore quando arrivava il pasto ed il tempo che non passava mai...
LUG
27
Questa è la serata dell'eclissi di Luna più lunga del secolo. Il cielo (meteo permettendo anche in Canavese) offrirà uno spettacolo unico...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore