Una boiata dare del boia

+ Miei preferiti
Una boiata dare del boia
L’attacco contro il Presidente della Repubblica è a tinte forti. Oggi gli danno del boia, in  passato fu bollato come “terùn” e “traditore”. Non è la prima volta che il Presidente della Repubblica viene attaccato. Oltre al leader dei pentastellati: “Napolitano Morfeo”, in un  passato nemmeno troppo lontano, appena un mese addietro, nel dicembre 2013, gli ex esponenti del fu Popolo della Libertà (ora Forza Italia) bersagliarono il Colle con accuse molto pesanti. 
 
Lo stesso leader degli italoforzuti, ha parlato spesso di “colpi di stato” accusando di fatto l’attuale Presidente della Repubblica  di essere stato artefice del governo del Professore nel 2011 e di aver avallato pure la condanna della Corte di Cassazione. È una lista lunga quella degli attacchi al Colle. Dal leader del Carroccio fino ad arrivare all’ex leader dell’Italia dei Valori. Ma questo ultimo insulto ha passato il limite dell’umana decenza. E' volgare e sguaiato! 
 
Insomma, solo gli stolti agiscono così e si può ben dire che nel dare del boia hanno detto una grossa boiata, baiando! Mi spiego meglio, il lemma boia deriva dal provenzale e significava in origine ceppi, catene, derivante a sua volta dal latino “boiae”, strumento di supplizio. E’ divenuto con il tempo il nome con cui di chiamano le persone che eseguono le  sentenze di morte ed è stato anche utilizzato come sinonimo di mascalzone e furfante.
 
Da boia si passa a boiata, lemma che deriva dal milanese boiada, abbaiamento, latrato, e da li al lemma baiata, con il significato di abbaiare. Mi sembra che l’insulto becero sia proprio un latrare ottuso che dimostra tutta l’ignoranza politica di chi lo profferisce.
Altri post di Giorgio Cortese
SET
15
Sul territorio Canavesano verrà costruito un nuovo centro commerciale. Ritengo i grandi centri dei luoghi dove le relazioni umane sono inesistenti, uno spazio fisico che è il non luogo, contrapposto ai classici luoghi di incontro
SET
7
Il Canavese è la nostra terra e chi viene ad abitare qua deve vivere con le nostre regole, se qualcuno cerca di imporre le proprie evitiamo di sentirci colpevolizzati come razzisti...
SET
2
Sono Canavesano e sinceramente innamorato del territorio in cui vivo e a volte rimango amareggiato e anche confuso nell'animo, nel vedere quanto sia distante la classe politica dai problemi reali del territorio
AGO
20
Pertanto, il rispetto delle regole, così come il rispetto per gli altri, va insegnato e coltivato sin dalla più tenera età sempre usato come stella polare e non in base alla convenienza del momento...
AGO
14
Sabato sono rimasto come migliaia di altri concittadini in Canavese senza connessione, il telefono di casa e lo smartphone, geniale strumento, erano muti...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore