Uomini e lupi

+ Miei preferiti
Uomini e lupi
Dopo una lunga stagione nella quale sembravano condannati all’estinzione, i lupi finalmente tutelati dalla legge stanno tornando a diffondersi sulle montagne italiane. Secondo le stima pare che siano duemila capi, numero trascurabile nel complesso ecosistema della penisola italiana. Insomma, nel mondo reale, trovare un lupo è molto improbabile. Ma i lupi, popolano il nostro immaginario, partendo dalle fiabe dell’infanzia, per diffondersi dopo nei cartoni animati, nei fumetti.

Nei film e nei romanzi fantasy. I lupi, più o meno simpatici, più o meno umanizzati, sono descritti con alcuni caratteri costanti ossia aggressivi, affamati e sempre intendi ad insidiare la preda. Dei lupi abbiamo questo stereotipo, e nei secoli verso i lupi abbiamo attuato delle vere campagne di sterminio. Fino al Medioevo la presenza di grandi boschi incolti permetteva a noi ed ai lupi di convivere con sporadice campagne di sterminio da parte umana. Ma poi a partire dal XII, venne meno ai lupi la ricca cacciagione di cinghiali e caprioli  con il conseguente diusboscamento  dei boschi da parte dehli umani in cerca di nuoivi terreni coltivabili.

La campagna di odio venne innescata con i lupi ritratti come avidi ed ingordi, descritti come servi del demonio, complici delle saghe nordiche e la potenza di alcune metafore bibliche. Il nome dei lupi fu usati oer marchiare gli eretici, i ribelli ed i nobili prepotenti. Nel tuchinaggio l’emblema dei ribile  erano dei lupi,  la figura dei lupi come belve feroci e spietate ha superato la realtà, e la diffidenza degli esseri umani verso i lupi è percepita come una diretta rivale per il controllo del territorio.

Le leggende metropolitani sui lupi  sono sempre esistite e se una volta si narrava di lupi magici, che cambiavano la pelle come un gilet se feriti, che parlavano ed altro oggi si arricchiscono come  quella che natta che i lupi vengono paracadutati nottetempo dai forestali per ripopolare il territorio. (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
MAG
18
Fatemi capire, ma Italia esiste ancora la libertÓ di parola? Oppure Ŕ in corso una strisciante deriva autoritaria?
MAG
5
Ridete e fatelo ogni giorno perchŔ fa bene alla salute e alla coesione con gli altri. Con questo consiglio si celebra la giornata mondiale della risata, istituita nel 1995
APR
25
Il discorso per la celebrazione del 25 Aprile di Favria
APR
22
La giornata della terra Ŕ un giorno dedicato all'ambiente alla salvaguardia del pianeta: ogni anno il 22 aprile vengono organizzate manifestazioni in tutto il mondo
APR
14
Nel 1963 viene assegnato alla ricerca scientifica italiana il Nobel per la chimica a Giuseppe Natta che con l'amico Karl Ziegler avevano scoperto il Moplen
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore