Uruguay ultimo porto?

+ Miei preferiti
Uruguay ultimo porto?
Contro la squadra del fiume degli uccelli colorati (così in lingua guarnì significa Urugay, che prende il nome dall’omonimo fiume) nostra prossima avversaria ai mondiali in Brasile, l’Italietta vista contro il Costarica deve evitare di scendere a terra ma di continuare il suo percorso nei mondiali. Il Costarica ci ha dato una lezione di come si gioca al calcio. la squadra avversaria non ha mai tremato un attimo finendo la partita addirittura all’attacco. I giocatori italiani hanno giocato con paura e senza umiltà. 
 
Se la mentalità è quella di difendere lo 0-1 che ci dà l’opportunità di andare avanti pareggiando con l’Uruguay, allora è meglio che scendiamo subito dalla nave mondiale. Per giocare a calcio come nella vita di ogni giorno occorrono la giusta dose di passione, orgoglio e coraggio e non sicuramente la mestizia di sbagliare. La speranza che nutro nell’animo è che il calcio è per sua natura la più imprecisa delle scienze imperfette. Ed è bello proprio per questo, infatti il risultato cambia solo per colpa di un filo d’erba, per un goal che poteva finire sul palo. Diciamolo, siamo un popolo di limitati, sia in campo che fuori, pronti ad osannare per un goal o per un nuovo leader politico, ma poi subito dopo pronti a metterlo sul patibolo al primo errore. 
 
Se vinciamo siamo tutti bravi, ma se perdiamo siamo dei fuoriclasse nello scendere dal carro, pardon dalla nave Italia, dando le colpe all’allenatore ed ai giocatori per il calcio, ai politici e a gli altri, se tutto va male nella vita di ogni giorno, e già troppo facile. Adesso sia nel calcio come nella vita quotidiana dobbiamo rimanere sulla nave anche se sembra che non si muova. Restiamo su questa nave Italia, diamo una volta, una piccola prova di coraggio, fidiamoci ancora una volta, intanto non costa nulla e possiamo solo migliorare. Martedì forse perdiamo , ma i giocatori, loro, sono noi, stessa faccia, stessi desideri, stesse passioni, stesse debolezze. Ed a noi adesso è tutto quello che ci resta.
Altri post di Giorgio Cortese
GEN
17
Oggi non ha senso parlare di razza, con questa teoria nei secoli passati loschi individui si sono serviti per separare, dominare, sterminare con lo schiavismo codificato e accettato senza sussulti morali per secoli
GEN
5
Ho visto uno spot che mi pare di cattivo gusto al limite dalla blasfemia. Utilizzare la Sacra Famiglia ed il Salvatore per una campagna pubblicitaria relativa all'acquisto di case...
DIC
27
Quasi sempre in questi ultimi giorni di fine dicembre faccio un resoconto mentale sull'anno trascorso, le soddisfazione e le amarezze che si sono succedute durante il 2017...
DIC
20
Il Natale è sempre più una corsa agli acquisti. Ma nonostante tutto la magia è nel suo spirito che mi pervade ogni anno...
DIC
11
Pensate che questa parola per indicare la neve deriva dall’antico germanico flokka, per indicare sia la neve che la lanuggine ed il fiocco di lana...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore