PEPERONI, MON AMOUR

+ Miei preferiti
PEPERONI, MON AMOUR
Ebbene sì, ho questa fortuna: digerisco i peperoni. Posso mangiarne chili - crudi, cotti, cucinati come volete - senza poi dover sperare nel miracolo. E racconto ciò con molto orgoglio, visto che sono una dei pochi della famiglia, anche quella allargata, a poterlo dire. E siccome mi piacciono davvero tanto, questa è solo la prima di una lunga serie di ricette a base di peperoni. La prima perché è quella che mi ha insegnato nonna Angelina. E per me il nome del piatto è proprio questo «I peperoni di Nonna Angelina». Non so da dove salti fuori questa ricetta. Se da qualche libro, da un passaparola o da una sua invenzione. So solo che sono i peperoni della nonna, che sono buoni, e che li mangio da sempre. E sempre in grandi quantità. Quando arrivavo a casa da scuola mi bastava entrare  in cucina per sorridere, non era necessario chiedere, sapevo dal profumo che avrei mangiato i miei adorati peperoni. Il più delle volte, nonostante le enormi padellate che faceva, chi arrivava dopo di me non trovava più nulla. E’ per questo che della ricetta posso darvi il quantitativo di ingredienti, ma non a quante persone corrisponda. Così, ad occhio, potrei dire che come contorno sono le dosi giuste per quattro o sei persone. Però non posso assicurarvelo. Io non li ho mai considerati un contorno.

Dosi e ricetta dei Peperoni di nonna Angelina:

1 Kg di peperoni rossi, gialli e verdi di quelli belli carnosi (ottimi quelli di Carmagnola)

Mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva

Mezzo bicchiere di aceto di mele

1 spicchio di aglio

1 mazzetto di prezzemolo

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

Sale quanto basta

Tagliate i peperoni a quadrotti e metteteli in una pentola con l’olio e l’aceto (la dose dell’aceto è comunque da calibrare in base alle vostre preferenze) e fate cuocere a fuoco vivo per 15 minuti. Aggiungete il concentrato di pomodoro, il prezzemolo e l’aglio tritati finemente. Lasciate in pentola ancora qualche minuto, mescolate bene bene, poi spegnete e servite. Non bisogna cuocere molto i peperoni, devono mantenere un po’ della loro croccantezza. A mio parere sono buoni sia caldi che freddi. Si tratta di una ricetta molto facile e veloce, ma davvero gustosa!!!

 

 

Galleria fotografica
PEPERONI, MON AMOUR - immagine 1
PEPERONI, MON AMOUR - immagine 2
Altri post di Madama Articiòch
AGO
13
Un risotto ben fatto richiede tempo, passione, attenzione e, per renderlo speciale, anche un po' di amore
AGO
10
L'abbinamento perfetto per una ricetta intramontabile
APR
16
Che dire! Se uno abita in Canavese non può non cucinare e mangiare, almeno una volta, il risotto all’Erbaluce, vino tipico della zona.
APR
11
E’ davvero incredibile il potere che il cibo ha su di noi, sui nostri sensi. Mi stupisce sempre. Basta un profumo, un sapore per far tornare in superficie ricordi ed emozioni.
La cucina di Madama Articiòch
di Madama Articiòch
Madama Articiòch è un progetto che mette al centro la cucina. Proprio da una cucina parte questa avventura fatta du ricette, racconti enogastronomici, passione per il cibo e per chi ne fa un’eccellenza. In Canavese, ma non solo. Storie, ricette, cose buone e dove trovarle: questo è Madama Articiòch.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore