Difendersi... dai veri nemici

+ Miei preferiti
Difendersi... dai veri nemici
Di fronte all’emergenza terrorismo non stupisce ed anzi mi ha molto soddisfatto la tempestiva convocazione del vertice biennale NATO – calendarizzato da tempo – e l’appuntamento di Varsavia della scorsa settimana non ha deluso le aspettative dei media internazionali. La contestuale presenza di Obama, Merkel, Hollande, Juncker e del nostro Renzi non poteva non essere di grande interesse in un momento in cui serve proprio lo strumento militare per affrontare e sconfiggere il terrorismo islamico nei luoghi in cui nasce e viene organizzato.

Quello che proprio non mi aspettavo è stata invece la grande, e purtroppo unica, attenzione dei “grandi e potenti” dell’alleanza atlantica verso il “ripristino della sicurezza nell’Europa Orientale” e che la conseguente decisione più importante fosse un accordo con l’Unione Europea - che a causa della Brexit andrà a perdere la sua forza militare più importante -  relativo all’invio di quattro battaglioni in Polonia, Lettonia, Lituania ed Estonia. Nei quattro Paesi si intensificheranno le esercitazioni “Baltops” e “Anaconda”, saranno potenziate tutte le basi NATO al loro interno e a Redzkiowo in Polonia sarà presto inaugurata una componente dello scudo antimissilistico.

Insomma, per farla breve, se le truppe dell’Armata Rossa dell’Unione Sovietica decideranno di invaderci troveranno pane per i loro denti. Peccato che il calendario segni una anno poco compatibile con l’Unione Sovietica - sciolta ufficialmente nel 1991 - e che l’attuale Federazione Russa non sia il pericolo principale per i nostri confini. Non ero e non sarò certo io a gridare gli slogan pacifisti della sinistra italiana che recitavano “ fuori l’Italia dalla NATO … fuori la NATO dall’Italia” ma considerato che l’intero occidente è sotto attacco da parte del terrorismo islamico, che la Federazione Russa potrebbe rappresentare un importante partner nella lotta al terrorismo, che l'impegno degli Stati Uniti dopo i disastri delle varie Primavere Arabe è di gran lunga diminuito nel mediterraneo e nelle aree di nostro interesse, non sarebbe il caso di ripensare al ruolo della NATO nello scenario internazionale? Abbiamo bisogno di difenderci e di essere difesi e la collaborazione internazionale è certamente la strada giusta per ottimizzare le risorse ed unificare gli intenti ma il vero nemico è rappresentato dall’ISIS e dagli Stati canaglia non certamente dalla Russia di Putin.

La guerra fredda è finita da tempo e le minestre riscaldate quasi sempre …fanno schifo!

fabrizio.bertot@gmail.com

 

Altri post di Fabrizio Bertot
LUG
8
Le sanzioni contro la Federazione Russa, la crisi Ucraina, il trattato di libero scambio con gli Stati Uniti d’America, la Brexit...
Politicamente...scorretto
di Fabrizio Bertot
Imprenditore sposato 3 figli Già consigliere provinciale, Sindaco di Rivarolo, parlamentare europeo, esperto politica estera. Presidente fondazione KiAn
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore