CANAVESE - Il «conto» del rave-party lo pagano i cittadini...

+ Miei preferiti
CANAVESE - Il «conto» del rave-party lo pagano i cittadini...
Perchè la Pro Loco deve chiedere ogni tipo di autorizzazione (e pagare la Siae) mentre per i rave-party si fa sempre tutto abusivamente? Se lo chiede (in maniera più che legittima) il sindaco di Feletto, Stefano Filiberto. «Ho fatto un'ordinanza ma i carabinieri non potevano fare lo sgombero, per farlo sarebbe servito l'esercito - dice il primo cittadino interpellato dai colleghi di TorinoToday - ho visto migliaia di persone e stupefacenti circolare. Ora si pone il problema dei rifiuti: quasi tutto è stato riposto dentro sacchi neri. Le ditte che fanno lo smaltimento dei rifiuti andranno a rimuoverli, purtroppo a carico della collettività».
 
Solita storia, insomma: alla fine paga Pantalone. E dire che tra i ragazzi, almeno 2000, che per due notti di fila hanno spaccato i timpani di mezzo Canavese, c'erano soprattutto giovani benestanti che non hanno avuto difficoltà a procurarsi alcol e magari anche stupefacenti, forse vestiti un «po' così» ma dotati di qualche centone nel portafoglio. E' la regola dei rave-party, specie di quelli che portano gente da lontano. Nessuno del Canavese, quasi tutti da Lombardia e Veneto, qualcuno da Francia e Svizzera. Storia vecchia e, per giunta, ripetitiva. I carabinieri che passano ore a controllare soggetti che, alla fine, se la caveranno con un nulla di fatto. Nessuna denuncia, nessun controllo, solo la speranza, per chi abita nelle vicinanze, che tutto finisca in fretta.
 
Il sindaco di Feletto, in estrema sintesi, ha centrato il problema. Le regole che ci sono non possono essere applicate. Ne servirebbero di nuove, almeno un briciolo «performanti» per ridurre i disagi. Non si tratta sempre e solo di vietare: i fenomeni come i rave-party esistono in mezzo mondo. Basterebbe riuscire, con un po' di buon senso, almeno a governarli e ad evitare che diventino un problema per chi, al rave-party, proprio non ci vuole andare e magari alle cinque del mattino si alza per andare al lavoro. E se proprio anche questo non si riesce a ottenere, sarebbe già un passo avanti fare in modo che il «dopo» rave non ricada (sempre) sulle tasche dei cittadini. Anche questa volta, purtroppo, è andata così. E' l'Italia bellezza...
Altri post di Alessandro Previati
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», č stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerą alle urne. Qualcuno verrą anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
MAG
2
Da un lato la soddisfazione del Comune di Rivarolo. Dall'altra la delusione di molti visitatori e quella di una parte degli standisti in fiera...
APR
4
In questi giorni stiamo assistendo a una "guerra" tra sindaci dei Comuni grandi e sindaci dei Comuni piccoli sul piano finanziario della raccolta rifiuti nell'ex bacino di Asa...
MAR
8
L'otto marzo, per mille motivi, č un momento di riflessione che va celebrato e promosso in tutte le sue forme. Ma...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore