Giustizia?

+ Miei preferiti
Giustizia?
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch. Prima l'ha truffata, portandole via 187 mila euro, poi per evitare la denuncia, l'ha uccisa. Lui e il complice Roberto Obert.

Ci si aspettava l'ergastolo, così come aveva chiesto il procuratore Ferrando. A pochi mesi da un altro processo per omicidio, sempre a Ivrea (quello ai danni di Mario Perri, killer del felettese Pierpaolo Pomatto), che si è concluso con un carcere a vita, l'opinione pubblica si aspettava un epilogo diverso. Se lo aspettava il procuratore. Forse se lo aspettava anche l'imputato. E, di certo, se lo aspettavano mamma Marisa e papà Ettore, i volti di questa sofferenza infinita che dura da un anno e mezzo, da quando l'ex allievo ha deciso di uccidere la loro unica figlia.

Non c'è sentenza che possa lenire il dolore, vero. Ma questo pronunciamento, seppur di primo grado, sembra una giustizia a metà. Defilippi è colpevole. Andrà (a lungo) in carcere. Ne uscirà, un giorno, e potrà farsi una nuova vita. Ricominciare da capo. Avrà una seconda occasione. Per mano sua, Gloria, quella seconda occasione, non l'ha avuta...

Altri post di Alessandro Previati
MAG
28
Marina Vittone poi Fabrizio Bertot. Nel corso della campagna elettorale per le amministrative di Rivarolo Canavese sono stati indicati come i due grandi favoriti. E, alla fine, hanno entrambi perso...
APR
9
L'appello è andato a buon fine: il piccolo Panda è tornato a casa, tra le braccia serene della sua padroncina. Tranquilli: non è un pesce d'Aprile...
MAR
7
Nel caos quotidiano, spesso provocato dal flusso di notizie più o meno negative sulle nuove generazioni, ogni tanto spunta un'eccezione che fa ben sperare. Come quella del piccolo Cesare, un bimbo di otto anni...
AGO
23
Questa volta c'erano altre soluzioni praticabili alla chiusura definitiva della stazione. E grazie alla mobilitazione popolare, guarda caso, sono state adottate. Bravi i pendolari...
LUG
25
L'ennesimo capitolo della telenovela Asa posticipa la chiusura della vicenda ancora di qualche anno. Hanno vinto i (piccoli) Comuni ma i debiti dal 2008 al 2010 vanno comunque ripianati... E c'è il rischio di una beffa
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore