Il Canavese piange altri tre ragazzi, morti sulla 460: ora basta!

+ Miei preferiti
Il Canavese piange altri tre ragazzi, morti sulla 460: ora basta!
Il giorno che smetteremo di contare i cadaveri e le pozze di sangue sulla ex statale 460, sarà sempre troppo tardi. Oggi il Canavese piange tre ragazzi, morti alle prime luci dell'alba su quella maledetta strada. Uno, aveva 29 anni, stava andando al lavoro, abitava a Feletto ed era appena diventato papà. La 460 è un cimitero. Una sequela infinita di lapidi, mazzi di fiori. Ed è, purtroppo, la principale arteria viaria per il Canavese. Si arriva fino a Ceresole e al parco Nazionale del Gran Paradiso con quella tragica lingua d'asfalto. Sarebbe ora di porre fine a questo continuo funerale.
 
L'incidente di oggi, come tanti altri in passato (non necessariamente mortali), si sarebbe potuto evitare facilmente. Se solo, qualche lustro fa, le amministrazioni locali, non fossero state sorde al richiamo arrivato dal territorio, quando ancora molte vite si sarebbero potute salvare. Tra Leini e Lombardore, nel tratto teatro dei più sanguinosi incidenti (compreso quello di oggi, costato la vita a tre persone, di cui due carbonizzate), sarebbe bastato piazzare uno spartitraffico in cemento per evitare sorpassi e invasioni di corsia, la causa del 90% degli scontri che si verificano in quel tratto.
 
Possibile? Assolutamente no. Le regole lo vietano espressamente. Vero. Ma in un paese, l'Italia, dove le deroghe sono all'ordine del giorno, dove «fatta la legge, trovato l'inganno», possibile che nessuno si sia mai veramente mosso per risolvere questo assurdo problema? Quasi sicuramente, oggi, se ci fosse stato qualcosa ad impedire lo schianto frontale, non staremmo piangendo tre morti. E non lo avremmo fatto nemmeno in passato. La soluzione è davvero dietro l'angolo. E' sempre stata lì. Ma, chi di dovere, si è sempre fermato alla burocrazia. Al rispetto di una regola assurda portatrice di morte.
 
Il servizio e le foto sull'incidente costato la vita a tre persone CLICCANDO QUI
 
 
Altri post di Alessandro Previati
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
SET
22
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch...
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne è fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», è stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerà alle urne. Qualcuno verrà anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore