Il salasso della Provincia in liquidazione: dove l'idea di Renzi non funziona

+ Miei preferiti
Il salasso della Provincia in liquidazione: dove lidea di Renzi non funziona
Antonio Saitta è ufficialmente il nuovo assessore alla sanità della Regione Piemonte e tra pochi giorni il Consiglio provinciale dovrà esaminare la sua decadenza dalla carica di presidente della Provincia di Torino. Il timone passa al canavesano Alberto Avetta, nominato vicepresidente. Insieme a lui, lavorerà l'intera giunta provinciale per garantire continuità alla delicata fase di transizione che porterà l'ente alla Città metropolitana.
 
Tutti i componenti della Giunta a partire dal 1 luglio - come prevede la legge 56/2014 -  svolgeranno l’incarico a titolo gratuito. Saitta ha pubblicato un messaggio di saluto ai dipendenti della Provincia, richiamando la necessità ad un forte spirito di squadra. Nel frattempo, pare che siano aumentate a dismisura le riunioni delle commissioni e le convocazioni dei consigli provinciali (ovviamente retribuiti) che saranno quattro da qui al 25 giugno, data che dovrebbe rappresentare l'ultimo giorno di attività del vecchio ente provinciale.
 
Considerati i gettoni di presenza che andranno a incassare i consiglieri e i membri della giunta, in quest'ultimo mese di vita la Provincia rischia di rappresentare l'ennesimo salasso ai danni dei contribuenti. Nessun consigliere ha mosso un dito, ovviamente, per anticipare le sue dimissioni o rinunciare ai gettoni di presenza di un ente ormai defunto. Non sia mai! Fino al primo luglio, quindi, il carrozzone costerà eccome. Altro che abolizione della Provincia. Renzi, quando ha messo a punto la riforma degli enti locali, non ha messo in conto il ricorso alla tipica "furbizia italiana", quella che, alla fine, finisce per pesare sempre sulle tasche dei contribuenti. Bisognava pensarci prima: 25 giugno chiusura dell'ente. Stop alle retribuzioni dal 25 maggio. Almeno qualcuno non avrebbe fatto in tempo a convocare consigli e commissioni a ciclo continuo...
 
Purtroppo in questo modo, l'immediato risparmio paventato con l'abolizione della Provincia di Torino (visto che l'unico segno meno riguarda i rimborsi ai consiglieri e ai membri della giunta) rischia davvero di assottigliarsi tremendamente di fronte agli atteggiamenti ben poco responsabili che sembrano caratterizzare questi ultimi giorni a palazzo Cisterna. Tutto regolare, sia chiaro. Non c'è nessuna violazione della legge. Solo l'ennesimo schiaffo al buon gusto. 
Altri post di Alessandro Previati
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
SET
22
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch...
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne è fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», è stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerà alle urne. Qualcuno verrà anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore