L'autovelox č doveroso. Ma occhio a non esagerare

+ Miei preferiti
Lautovelox č doveroso. Ma occhio a non esagerare
Partiamo da un presupposto. Le regole si devono rispettare. Anche (e soprattutto) quelle del codice della strada. Se si passa col rosso e s'incassa una multa, la si paga. Se si transita in centro abitato a 90 km all'ora (dove il limite è sempre 50) idem. Le regole sono chiare. E, tra l'altro, sono in vigore fin dalla notte dei tempi. Punto centrale di ogni lezione di scuola guida. Non rispettare queste regole significa mettere a repentaglio noi stessi e, di riflesso, anche la sicurezza altrui.

Scritta la premessa d'obbligo (sottolineando anche anche chi vi scrive ha incassato e pagato diverse multe per semafori rossi... nessuno è perfetto), i Comuni devono capire che l'utilizzo degli autovelox, fissi o mobili, finisce soprattutto per incidere sulle tasche dei cittadini. Non è quindi sufficiente giustificare il costante utilizzo degli occhi elettronici per "garantire maggiore sicurezza" sulle strade perchè, in base a questo presupposto, bisognerebbe installare un velox ogni 50 metri. In Canavese, solo negli ultimi mesi, ne sono spuntati a iosa. Cuorgè, Rivarolo, Salassa, San Ponso, Ivrea e chi più ne ha, più ne metta.

Senza entrare nel merito delle multe irregolari (o presunte tali, come successo qualche anno fa a Favria o, più di recente, al semaforo di Montalenghe) ai Comuni corre l'obbligo di avvisare tempestivamente l'entrata in funzione di telecamere, autovelox, T-Red e Velo-Ok. Anche sfruttando i social network. Ed è proprio in quella direzione che si stanno muovendo, da qualche tempo, numerose amministrazioni. Pubblicando sul proprio sito internet e su Facebook le postazioni dei velox per la settimana successiva. In modo che tutti ne siano realmente informati. Persino la prefettura di Torino ha adottato lo stesso metodo.

Quindi. Ritenendo doveroso il rispetto delle regole, comprendendo l'esigenza di "fare prevenzione" dei Comuni, perchè non diffondere in anticipo, anche qui da noi, l'elenco con le postazioni velox attive? Sarebbe un ottimo deterrente e, al tempo stesso, andrebbe a provare la "buona fede" dei Comuni. L'unico modo per dimostrare che le telecamere non servono per "fare cassa" ma per "garantire maggiore sicurezza sulle strade".

Un elenco preventivo, sia chiaro, non alleggerirà il peso della multa ma, forse, la renderà meno indigesta.

 

Altri post di Alessandro Previati
MAG
20
Prima o poi si tornerą alle urne. Qualcuno verrą anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
MAG
2
Da un lato la soddisfazione del Comune di Rivarolo. Dall'altra la delusione di molti visitatori e quella di una parte degli standisti in fiera...
APR
4
In questi giorni stiamo assistendo a una "guerra" tra sindaci dei Comuni grandi e sindaci dei Comuni piccoli sul piano finanziario della raccolta rifiuti nell'ex bacino di Asa...
MAR
8
L'otto marzo, per mille motivi, č un momento di riflessione che va celebrato e promosso in tutte le sue forme. Ma...
DIC
24
Il salvataggio in extremis di Caterina, la nonna di Castelnuovo Nigra scomparsa la sera del 22 dicembre dalla propria abitazione, č il nostro regalo di Natale...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore