L'ex statale 460: l'infinita vergogna di chi non ne ha...

+ Miei preferiti
Lex statale 460: linfinita vergogna di chi non ne ha...
La vergogna non sono i controlli che non ci sono. E nemmeno la Provincia (o città metropolitana) che non pulisce. La vergogna è dei maiali che scaricano la spazzatura come se fosse una discarica autorizzata. Passano gli anni ma l’inciviltà resta sempre la stessa. L’ex statale 460, porta principale di accesso al Canavese, nel tratto tra Leinì e Lombardore è, da sempre, un immondezzaio. Nemmeno il tempo di pulire, da parte dei cantonieri della provincia, che subito si forma un’altra discarica. Prima un mucchietto di sacchetti neri, poi qualche pneumatico. E allora via con mobili, televisori, elettrodomestici di ogni tipo e fattezza.

La vergogna, dicevamo, sono i maiali che ancora continuano imperterriti a scaricare. La vergogna è l’assoluta mancanza di un senso civico. Non è questione di controlli: questi soggetti, se anche ci fosse un cecchino ad ogni piazzola della 460, troverebbero comunque il modo di gettare la loro spazzatura in aperta campagna.

La vergogna, oltre tutto, è doppia. Perché ai lati della 460, nel tratto di Leinì ma anche altrove, c’è pieno di lapidi con le foto di chi, su quella maledetta strada, vi ha perso la vita. Ragazzi, ragazze, motociclisti e gente che andava a lavorare. Un sorpasso azzardato, un malore, una scivolata sull’asfalto bagnato. E via di cippi commemorativi, fotografie e fiori. Tanti mazzi di fiori, per la verità. Alcuni spuntano proprio tra i mucchi di rifiuti. Perché i maiali non hanno nemmeno il buon cuore di buttare la loro spazzatura lontano da quelle foto, dove quasi tutti i giorni passano, in una silenziosa processione, i parenti delle vittime.

Mi fanno schifo quello che buttano la spazzatura a casa d’altri. Ma questi, che la spargono addirittura sopra le foto di ragazzi che non ci sono più, non meritano nemmeno un po’ di ribrezzo. Gente senza vergogna. E senza un briciolo di pietà.

Altri post di Alessandro Previati
MAG
20
Prima o poi si tornerą alle urne. Qualcuno verrą anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
MAG
2
Da un lato la soddisfazione del Comune di Rivarolo. Dall'altra la delusione di molti visitatori e quella di una parte degli standisti in fiera...
APR
4
In questi giorni stiamo assistendo a una "guerra" tra sindaci dei Comuni grandi e sindaci dei Comuni piccoli sul piano finanziario della raccolta rifiuti nell'ex bacino di Asa...
MAR
8
L'otto marzo, per mille motivi, č un momento di riflessione che va celebrato e promosso in tutte le sue forme. Ma...
DIC
24
Il salvataggio in extremis di Caterina, la nonna di Castelnuovo Nigra scomparsa la sera del 22 dicembre dalla propria abitazione, č il nostro regalo di Natale...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore