La #buonascuola di Renzi dimentica i ragazzi disabili

+ Miei preferiti
La #buonascuola di Renzi dimentica i ragazzi disabili
Liste dei supplenti pronte ma congelate. Nuove nomine bloccate. Alla fine a pagare il prezzo più alto sono i ragazzi disabili, alcuni dei quali non hanno ancora messo piede nelle rispettive scuole. Si allarga a macchia d’olio il problema che avevamo segnalato l’altro giorno grazie all’associazione Buoni Amici Onlus di Favria (che ha riportato un caso analogo all’istituto 25 aprile di Cuorgnè). In queste ore, infatti, sono arrivate altre segnalazioni di situazioni simili in altre scuole del Canavese. Tutte, purtroppo, con lo stesso problema: se anche gli operatori sono a carico dei consorzi dei servizi socio-assistenziali del territorio, fino a quando non arriverà il via libera da parte del Ministero, non ci sarà modo di garantire l’assistenza ai ragazzi portatori di handicap. Questo significa che in molti casi, a seconda della disabilità, gli studenti sono costretti a rimanere a casa e a iniziare l’anno scolastico in ritardo. Si parla, in molte scuole, addirittura del primo ottobre.
 
Quello che sta succedendo è assolutamente vergognoso. Alcuni genitori ci hanno assicurato che è successo anche negli anni scorsi. La distribuzione delle cattedre (specie nelle scuole superiori) procede comunque a rilento, al netto dei proclami del Governo di turno. La situazione degli insegnanti di sostegno, prevede il buon senso, andrebbe risolta per prima, per evitare che i ragazzi meno fortunati si debbano sorbire altri disagi per colpa della burocrazia e di un sistema che, evidentemente, non funziona. Invece Ministeri e provveditorati hanno pensato bene di affrontare il tema degli insegnanti di supporto per ultimo. E tanti saluti.
 
Non è colpa del 25 Aprile di Cuorgnè, per farla breve, se non ci sono gli insegnanti di sostegno per otto dei dieci alunni diversamente abili iscritti. Il problema è ben più in alto. Nelle stanze dei bottoni dove, nonostante i lauti stipendi, le cose procedono costantemente a rilento. E chissenefrega se i genitori non sanno come gestire i propri figli. Andrà sempre peggio. Che scuola è quella che dimentica i ragazzi meno fortunati? Di sicuro non è una #buonascuola.
Altri post di Alessandro Previati
MAG
20
Prima o poi si tornerà alle urne. Qualcuno verrà anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
MAG
2
Da un lato la soddisfazione del Comune di Rivarolo. Dall'altra la delusione di molti visitatori e quella di una parte degli standisti in fiera...
APR
4
In questi giorni stiamo assistendo a una "guerra" tra sindaci dei Comuni grandi e sindaci dei Comuni piccoli sul piano finanziario della raccolta rifiuti nell'ex bacino di Asa...
MAR
8
L'otto marzo, per mille motivi, è un momento di riflessione che va celebrato e promosso in tutte le sue forme. Ma...
DIC
24
Il salvataggio in extremis di Caterina, la nonna di Castelnuovo Nigra scomparsa la sera del 22 dicembre dalla propria abitazione, è il nostro regalo di Natale...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore