La forza dell'incoerenza va sempre di moda

+ Miei preferiti
La forza dellincoerenza va sempre di moda
Nella nebbia delle elezioni regionali, dove il Canavese occidentale rischia di rimanere a secco di rappresentanti, spunta Giancarlo Vacca Cavalot. L’ex sindaco di Cuorgnè si dimostra campione di coerenza. Abbandona la giunta provinciale di centrosinistra che lo ha voluto vicepresidente del consiglio (!) in quota Udc, per sostenere direttamente il candidato alle regionali di Forza Italia e Lega Nord, Gilberto Pichetto. Vacca Cavalot, per la serie “largo ai giovani”, sarà capolista della «Lista Civica Piemonte» a sostegno di Pichetto Presidente della Regione. 
 
A Cuorgnè, l’ex sindaco spera di fare incetta di voti. Alle ultime amministrative (maggio 2011) è mestamente naufragato all’opposizione (incassando la metà delle preferenze del sindaco Pezzetto) ma chissà che alle regionali non colga un insperato successo. Da qualche giorno sono già partiti degli sms, diretti ai residenti, nei quali si invita a votare Cavalot. Perché, recita il messaggio, “Farà qualcosa per l’ospedale”.
 
Ora, “fare qualcosa” per l’ospedale vuol dir tutto e anche niente. Diciamo che Cavalot si candida a sostegno di una coalizione, quella di Forza Italia e della Lega Nord, che, grazie alla riforma sanitaria, l’ospedale di Cuorgnè lo ha declassato in via definitiva. Quindi sarebbe il caso che prestasse un po’ di attenzione agli slogan. Ovviamente, via sms, la coerenza non è richiesta. E, a quanto pare, nemmeno alle regionali.
 
Di certo la candidatura di Cavalot a sostegno di Pichetto qualche mal di pancia lo creerà anche al sindaco di Cuorgnè, Pezzetto. Non tanto per i voti che l’ex primo cittadino prenderà, quando per le componenti di centrodestra (Forza Italia e Lega, appunto) che lo sostengono in giunta. A qualcuno della squadra di Pezzetto, insomma, verrà l'orticaria nel votare Pichetto, aumentando così le possibilità che Cavalot sieda in consiglio regionale…
 
Altri post di Alessandro Previati
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne č fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», č stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerą alle urne. Qualcuno verrą anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
MAG
2
Da un lato la soddisfazione del Comune di Rivarolo. Dall'altra la delusione di molti visitatori e quella di una parte degli standisti in fiera...
APR
4
In questi giorni stiamo assistendo a una "guerra" tra sindaci dei Comuni grandi e sindaci dei Comuni piccoli sul piano finanziario della raccolta rifiuti nell'ex bacino di Asa...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore