MAI DIRE... UFO IN CANAVESE - Disco volante respinto da Salvini: «Aiutiamoli a casa loro»

+ Miei preferiti
MAI DIRE... UFO IN CANAVESE - Disco volante respinto da Salvini: «Aiutiamoli a casa loro»
Verdi di pelle, avevano scelto il verde Canavese per mimetizzarsi al meglio ma, si sa, un disco volante fa rumore e non passa inosservato, specie se cerchi di atterrare nei boschi della Vauda in piena notte o se tenti la manovra sulla 460 è finisci dentro a una buca dell'asfalto. Intercettato dai radar di Caselle, l'Ufo è stato subito segnalato agli alti vertici dell'Aeronautica e, di conseguenza al ministro dell'Interno. Così Salvini, in preda al mantra del respingimento, ha spedito due caccia sopra Corio e Rocca per intercettare il disco volante. «Aiutiamoli a casa loro», ha ribadito il Ministro.

Così i due velivoli, decollati da Caselle, hanno individuato gli alieni e li hanno rapidamente convinti a tornarsene negli spazi siderali. Forse sono stati accolti in Spagna. Bocche cucite dall'Europa che, quando si parla di profughi (spaziali e non) tende a non avere alcuna posizione se non il più classico: «Sono c... dell'Italia». Diversi residenti della zona hanno segnalato il caso alle autorità. Ci sono anche un paio di denunce dai carabinieri. La procura di Ivrea chiederà lumi all'aeronautica, almeno per avere conferma di quello che è successo.

Perchè il disco volante l'hanno visto in pochi ma i due caccia a bassa quota li hanno sentiti tutti. Un po' di mistero non guasta ma, in ogni caso, c'è da sperare non si sia trattato davvero di alieni: in tal caso, come ricettività turistica, abbiamo fatto una figuraccia. Il TripAdvisor galattico non perdona...

Altri post di Alessandro Previati
AGO
23
Questa volta c'erano altre soluzioni praticabili alla chiusura definitiva della stazione. E grazie alla mobilitazione popolare, guarda caso, sono state adottate. Bravi i pendolari...
LUG
25
L'ennesimo capitolo della telenovela Asa posticipa la chiusura della vicenda ancora di qualche anno. Hanno vinto i (piccoli) Comuni ma i debiti dal 2008 al 2010 vanno comunque ripianati... E c'è il rischio di una beffa
MAR
1
Chi l'ha detto che le nuove generazioni sono prive di valori? Per carità, di episodi poco edificanti, purtroppo, ne sono piene le cronache. Tuttavia, per fortuna, ci sono anche gesti che fanno ben sperare per il futuro...
DIC
19
Da appassionato di ferrovie, anche quelle in miniatura, non posso che essere felice se la Regione annuncia (dopo decenni) l'elettrificazione della Rivarolo-Pont...
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore