Non toccatemi il Natale...

+ Miei preferiti
Non toccatemi il Natale...
D’accordo: c’è la crisi, una situazione internazionale da urlo, gli attentati, i terroristi, il lavoro che langue e un milione di problemi triti e ritriti. Tutte cose che, a naso, c’erano anche l’anno scorso. E anche l’anno prima. E persino quello prima dell'anno prima. Insomma, proprio non mi va di non festeggiare qualcosa di simbolico come il Natale. E mi stanno fortemente sul naso quelli che “ah io non faccio manco l’albero perché non c’è niente di bello”.

Qui i motivi per festeggiare, ogni anno che passa, sono sempre meno. Diciamolo chiaramente. Anche perchè s'invecchia. Ma questo non giustifica la rassegnazione, lo scoramento, l’indifferenza. A questo punto tanto vale non festeggiare nemmeno il compleanno. No, a questa logica disfattista io mi ribello. Mi piace il Natale e festeggio. Anche se, a fronte di tutti i problemi, diventa difficile aver la mente sgombra da preoccupazioni. E allora?

Forse è proprio la possibilità e la capacità di voltare pagina che, spesso, può fare la differenza. Vogliono costringerci in casa con un regime di paura? E allora scendiamo in strada. Vogliono cancellare la nostra possibilità di vivere liberi? Facciamo loro vedere che nessuno è in grado di condizionarci. Non è facile, è vero. Ma non affidarsi ai simboli nemmeno una volta all’anno, nemmeno a Natale, suona davvero come un’enorme sconfitta. Una cosa davvero triste.

Quindi, contro la crisi e tutte quelle cose là che dicevo prima, viva le luminarie di Natale, viva gli alberi addobbati, viva i presepi (che da non credente, così come il crocefisso, non mi hanno mai dato fastidio, anzi). Accendiamo una luce per sperare che le cose migliorino. Un po’ di ottimismo non guasta. Mai.

Altri post di Alessandro Previati
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
SET
22
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch...
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne è fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», è stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerà alle urne. Qualcuno verrà anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore