Quando Cresto alzò la cresta contro il lodo Asa...

+ Miei preferiti
Quando Cresto alzò la cresta contro il lodo Asa...
L'ennesimo capitolo della telenovela Asa posticipa la chiusura della vicenda ancora di qualche anno. I sindaci dei piccoli Comuni dell'alto Canavese che si sono presi l'onere del ricorso alla Corte d'Appello hanno dato un segnale ben preciso, riuscendo nell'intento (non certo scontato) di dare uno schiaffo morale ai sostenitori dell'arbitrato, contro il quale il primo ad alzare la cresta (scusate il gioco di parole) è stato Cresto, primo cittadino di Pertusio.

Due anni fa, quando annunciò il ricorso contro il lodo Asa, venne preso per matto, sbeffeggiato dalla gran parte dei colleghi sindaci. E lo stesso si può dire per il primo cittadino di Feletto, che si prese del «facinoroso» durante uno storico summit a Rivarolo. Uno dei tanti in cui, alla fine, non si decise nulla.

La Corte d'Appello, di fatto, ha dato ragione ai piccoli Comuni: Pertusio, Feletto, Oglianico, Ozegna, Busano. Giusto per citare quelli più "convinti". E anche se qualche sindaco, adesso, tenta di salire sul carro del vincitore, va ricordato che una gran parte dei Comuni, un anno e mezzo fa, intavolò la trattativa "ufficiosa" con Ambrosini, convinti (anche dalla Regione) che fosse opportuno chiudere la vicenda pagando almeno una parte del dovuto.

Il lodo Asa, invece, è stato annullato. Non vuol dire che i Comuni non saranno chiamati a pagare. Anzi: la Corte d'Appello ha stabilito che i debiti contratti da Asa tra il 2008 e il 2010 dovranno essere ripianati proprio dai soci. Col rischio che, una volta ultimato il conteggio, la cifra sia persino superiore a quella proposta un anno e mezzo fa nell'accordo (poi non raggiunto) con Ambrosini. L'unica certezza, a questo punto, è che, con un eventuale ricorso in Cassazione, l'intera vicenda non si concluderà prima del 2020-2021. Con tanti saluti ai creditori... (dal blog del direttore).

Altri post di Alessandro Previati
APR
9
L'appello è andato a buon fine: il piccolo Panda è tornato a casa, tra le braccia serene della sua padroncina. Tranquilli: non è un pesce d'Aprile...
MAR
7
Nel caos quotidiano, spesso provocato dal flusso di notizie più o meno negative sulle nuove generazioni, ogni tanto spunta un'eccezione che fa ben sperare. Come quella del piccolo Cesare, un bimbo di otto anni...
AGO
23
Questa volta c'erano altre soluzioni praticabili alla chiusura definitiva della stazione. E grazie alla mobilitazione popolare, guarda caso, sono state adottate. Bravi i pendolari...
GIU
12
Ci sono anche un paio di denunce dai carabinieri. La procura di Ivrea chiederà lumi all'aeronautica, almeno per avere conferma di quello che è successo...
MAR
1
Chi l'ha detto che le nuove generazioni sono prive di valori? Per carità, di episodi poco edificanti, purtroppo, ne sono piene le cronache. Tuttavia, per fortuna, ci sono anche gesti che fanno ben sperare per il futuro...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore