Riscaldamento gratis? A Rivarolo meglio pagarlo (e anche caro)

+ Miei preferiti
Riscaldamento gratis? A Rivarolo meglio pagarlo (e anche caro)
La lotta “senza se e senza ma” contro la centrale a biomassa del Vallesusa prosegue. E, se per caso, s’intravedono all’orizzonte possibili ritorni per i rivarolesi, guai a piegarsi. Il Comitato non bruciamoci il futuro, questa mattina, ha fatto sapere che il sindaco di Rivarolo si è rimangiato (a detta loro), nell’incontro tra le parti, quanto dichiarato sulla possibilità di ottenere il riscaldamento gratuito (per gli edifici pubblici) dalla Gdf-Suez. Una sorta di “compensazione”. Di quelle che sono prassi in tutte le amministrazioni del mondo. A Rivarolo evidentemente no. 
 
Sebbene nessuno abbia intenzione di “barattare” la salute pubblica con delle compensazioni economiche (cosa che era chiara a chiunque anche prima della campagna elettorale), assodato che le emissioni della centrale NON hanno sforato i limiti di legge secondo i dati dello Sme presi in esame e validati dall’Arpa, a oggi NON sussistono motivi per CHIUDERE la centrale Gdf-Suez. Non lo può fare il Comune e nemmeno la Provincia (l’ente che ha concesso le autorizzazioni quasi dieci anni fa). Gli esposti presentati alla procura della Repubblica di Ivrea nei mesi (e negli anni) scorsi, fino a questo momento NON hanno prodotto alcun risultato utile per procedere alla chiusura dell’impianto. Nonostante i dubbi, le problematiche di trasparenza e quant’altro.
 
Di fronte alla possibilità che la centrale continui a produrre energia elettrica e (si spera) calore per la città di Rivarolo, il neo sindaco Alberto Rostagno, quasi sicuramente non appoggiato alle urne dai comitati ambientalisti, ha annunciato quello che QUALUNQUE sindaco con la testa sulle spalle tenterebbe di fare al confronto dell’azienda: ottenere qualcosa anche per la città che, al momento, da quell’impianto, subisce SOLO ed esclusivamente un danno. Prendere posizione contro questa idea, annunciando che il sindaco Rostagno “ha chiarito che gli articoli di stampa non rispondevano ai concetti da lui espressi”, significa, in breve, che piuttosto di ottenere il riscaldamento gratis per gli edifici pubblici (scuole comprese), meglio continuare a pagarlo. E, per giunta, continuare a pagarlo alla Gdf-Suez. Con tanti salute alle tasche dei rivarolesi.
 
Una visione leggermente “tafazziana”. La battaglia per la salute pubblica è sacrosanta ma non può essere un muro contro muro. Tanto che lo stesso Rostagno, dopo il comunicato del Comitato, ribadisce: «Abbiamo chiesto all’Arpa i dati delle emissioni. Se la centrale è dannosa prenderemo i provvedimenti del caso. Se non è inquinante agiremo in altro modo, anche con le compensazioni necessarie». Più chiaro di così... E il riscaldamento gratis è solo una delle compensazioni possibili...
Altri post di Alessandro Previati
DIC
24
Il salvataggio in extremis di Caterina, la nonna di Castelnuovo Nigra scomparsa la sera del 22 dicembre dalla propria abitazione, č il nostro regalo di Natale...
NOV
9
E' chiaro che dopo Brexit il successo di Trump č un'altra martellata nei confronti dell'ordine costituito. Il dato delle urne, in tal senso, appare la risposta pił scontata al malessere della gente nei confronti della politica
OTT
7
Un'aspirante suicida, dopo due ore di ricerche, č stata salvata nei boschi della cittą della ceramica, prima che il freddo potesse toglierle la vita...
AGO
2
Perchč la Pro Loco deve chiedere ogni tipo di autorizzazione (e pagare la Siae) mentre per i rave-party si fa sempre tutto abusivamente? Se lo chiede (in maniera pił che legittima) il sindaco di Feletto, Stefano Filiberto...
MAG
28
Si avvicinano le elezioni di Cuorgnč in una campagna elettorale estremamente sottotono e priva di spunti
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore