«Torinoir» colora di giallo anche la Mole Antonelliana

+ Miei preferiti
«Torinoir» colora di giallo anche la Mole Antonelliana
Se passando dalle parti del centro di Torino, giovedì o venerdì, vi doveste accorgere che la Mole Antonelliana è diventata gialla, sappiate che si tratta di un omaggio. La Mole gialla celebra come si deve la nascita di «Torinoir». Un esperimento letterario e culturale. Dodici scrittori con un unico obiettivo: raccontare i cambiamenti della propria città, attraverso il romanzo giallo-noir.

Gli scrittori sono Rocco Ballacchino, Giorgio Ballario, Fabio Beccacini, Maurizio Blini, Marco G. Dibenedetto, Patrizia Durante, Claudio Giacchino, Fabio Girelli, Andrea Monticone, Enrico Pandiani, Luca Rinarelli e Massimo Tallone. Il primo passo è stato la creazione di un sito internet (www.torinoir.altervista.org), di una pagina Facebook e di un profilo Twitter per dialogare con il vasto pubblico dei lettori e degli appassionati del genere.
 
Da leggere il “manifesto” di «Torinoir» che, non a caso, cita Fruttero e Lucentini. Fondatori del genere giallo-noir subalpino che, come ricorda il manifesto, sono morti. Ovvero: occorrono nuovi linguaggi, nuovi soggetti, nuove chiavi interpretative per raccontare Torino. C’è di più, ovviamente. L’esperimento prevede contaminazione fra diversi generi letterari, l'uso delle nuove tecnologie digitali, la collaborazione con librerie, biblioteche e centri culturali e la lotta all'editoria "a pagamento". 
 
Primo step la stesura di un’antologia di racconti sulla Torino "nera" contemporanea. Giovedì alle 11, al Circolo dei Lettori di via Bogino 9 a Torino, la presentazione ufficiale di «Torinoir». Poi la Mole, in serata, darà il suo personale benvenuto al progetto. Rigorosamente vestita di giallo.
 
Altri post di Alessandro Previati
MAR
8
L'otto marzo, per mille motivi, è un momento di riflessione che va celebrato e promosso in tutte le sue forme. Ma...
DIC
24
Il salvataggio in extremis di Caterina, la nonna di Castelnuovo Nigra scomparsa la sera del 22 dicembre dalla propria abitazione, è il nostro regalo di Natale...
NOV
9
E' chiaro che dopo Brexit il successo di Trump è un'altra martellata nei confronti dell'ordine costituito. Il dato delle urne, in tal senso, appare la risposta più scontata al malessere della gente nei confronti della politica
OTT
7
Un'aspirante suicida, dopo due ore di ricerche, è stata salvata nei boschi della città della ceramica, prima che il freddo potesse toglierle la vita...
AGO
2
Perchè la Pro Loco deve chiedere ogni tipo di autorizzazione (e pagare la Siae) mentre per i rave-party si fa sempre tutto abusivamente? Se lo chiede (in maniera più che legittima) il sindaco di Feletto, Stefano Filiberto...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore