Torna a casa Luna

+ Miei preferiti
Torna a casa Luna
L'appello è andato a buon fine: il piccolo Panda è tornato a casa, tra le braccia serene della sua padroncina. Tranquilli: non è un pesce d'Aprile. E' successo davvero ma il panda, per fortuna, era «solo» un peluches. «Solo» si fa per dire perchè, spesso, i giocattoli assumono un valore speciale per i bimbi (e non solo per loro). Così la mobilitazione generale per il panda Luna ha sortito l'effetto sperato. Venerdì scorso il peluches bianconero, forse caduto da una tasca, era stato smarrito dalla padroncina Alice (4 anni di Cuorgnè) nei pressi dell'asilo Mamma Tilde. Pianti disperati, ricerche vane, l'idea di tappezzare la zona attorno all'asilo con dei manifesti di smarrimento. Con tanto di foto del peluches scomparso ritratto in primo piano. Numeri di telefono per eventuali avvistamenti e persino una ricompensa.

«Mi sono perso vicino all'asilo Mamma Tilde, la mia mamma Alice (4 anni) mi cerca da allora. Rispondo al nome di Luna e sono un piccolo peluche di panda. La mia mamma ha promesso di regalare due altri suoi peluche a chiunque (adulto o bambino) abbia mie notizie o mi riporti da lei». L'appello è servito. Il manifesto di Luna è rimbalzato centinaia e centinaia di volte anche sui social network e, a quanto pare, ha raggiunto il destinatario. Qualcuno che ha preso il peluche per sbaglio o che magari lo ha ritrovato vicino all'asilo e ha deciso, in totale buona fede, di portarselo a casa.

Fatto sta che ieri mattima, dopo un weekend di vane ricerche nei pressi della scuola, il panda Luna è ricomparso nella mensa dell'asilo Mamma Tilde. Chi lo ha ritrovato ha preferito rimanere anonimo, rinunciando anche alla «ricompensa». La piccola Alice, grazie a tutti quelli che hanno condiviso l'appello, ha potuto riabbracciare il suo panda. Un meritato lieto fine.

Altri post di Alessandro Previati
MAR
7
Nel caos quotidiano, spesso provocato dal flusso di notizie più o meno negative sulle nuove generazioni, ogni tanto spunta un'eccezione che fa ben sperare. Come quella del piccolo Cesare, un bimbo di otto anni...
AGO
23
Questa volta c'erano altre soluzioni praticabili alla chiusura definitiva della stazione. E grazie alla mobilitazione popolare, guarda caso, sono state adottate. Bravi i pendolari...
LUG
25
L'ennesimo capitolo della telenovela Asa posticipa la chiusura della vicenda ancora di qualche anno. Hanno vinto i (piccoli) Comuni ma i debiti dal 2008 al 2010 vanno comunque ripianati... E c'è il rischio di una beffa
GIU
12
Ci sono anche un paio di denunce dai carabinieri. La procura di Ivrea chiederà lumi all'aeronautica, almeno per avere conferma di quello che è successo...
MAR
1
Chi l'ha detto che le nuove generazioni sono prive di valori? Per carità, di episodi poco edificanti, purtroppo, ne sono piene le cronache. Tuttavia, per fortuna, ci sono anche gesti che fanno ben sperare per il futuro...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore