Trasporti e viabilitą: c'č davvero un futuro per il Canavese?

+ Miei preferiti
Trasporti e viabilitą: cč davvero un futuro per il Canavese?
«Le esigenze dei molti, contano più di quelle dei pochi». E' un vecchio adagio di Star Trek che, però, sembra ottimo (a volte) per giustificare delle scelte. Anche dolorose. Così fa un po' specie vivere in un territorio, il Canavese, dove anche le esigenze dei molti, vengono sacrificate a beneficio di chissà chi. E' il caso dei trasporti. Orari meno performanti, corse tagliate, ferrovia ferma a due secoli fa (almeno in un tratto). Tanto che, purtroppo, la soluzione è il "fai da te", ovvero le famiglie che si organizzano, aprono il portafoglio e noleggiano un bus privato per portare i figli (da Forno, Rivara e dintorni) a scuola. Il trionfo del privato dove il pubblico fa acqua da tutte le parti.
 
L'impressione, a dirla tutta, è che i piani alti della politica locale non si siano veramente resi conto dei problemi del trasporto, sia esso finalizzato ai pendolari o agli studenti. A parte i sindaci, che il problema lo conoscono perchè, giustamente, i cittadini si rivolgono in prima battuta al Comune di residenza, le altre amministrazioni sembrano vivere in un mondo parallelo. Dove, ovviamente, non ci sono mai risorse da destinare ai pendolari che, però, l'abbonamento lo pagano regolarmente (e anche bello salato). 
 
Sabato prossimo, 16 gennaio, si discuterà di viabilità e trasporti a Cuorgnè, in un incontro pubblico che ha organizzato il Partito Democratico nel salone pluriuso degli ex salesiani. Sarà l'occasione buona (anzi ottima) per far sentire la voce di chi, questi disagi, li sta vivendo da mesi. Tra i relatori ci saranno l'assessore regionale ai trasporti, Francesco Balocco, e il vicesindaco della città metropolitana, Alberto Avetta. 
 
Qualche giorno fa, dal Giappone, è arrivata una "lezione" di vita clamorosa in tema di trasporti. La stazione ferroviaria di Kyu-shirataki, sull'isola di Hokkaido, resta aperta tutti i giorni solo per consentire all'unica passeggera della zona (una studentessa, tra l'altro) di prendere il treno e andare a scuola. Un passeggero, una stazione, un treno. Ora, nemmeno in periodi di vacche grasse avremmo preteso, per il Canavese, un servizio simile. Ma se l'episodio del Giappone, come hanno detto in molti, è la testimonianza che, a volte, lo Stato è davvero al servizio dei cittadini, vien da pensare che, qui da noi, lo Stato sia quantomeno distratto.
Altri post di Alessandro Previati
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
SET
22
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch...
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne č fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», č stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerą alle urne. Qualcuno verrą anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore