Una storia da raccontare

+ Miei preferiti
Una storia da raccontare
Quella di Baldassarre è una storia da raccontare. Magari ai bambini delle scuole. Crudele, ovvio. Ma di grande monito per il futuro. E' la storia di un cigno al quale gli umani hanno tagliato le ali da piccolo per non farlo volare. E' la storia di un animale che ha sempre tentato di difendere il suo territorio, il suo lago, oltre che il suo diritto a vivere. E' la storia di un imbecille che non ha trovato di meglio, senza motivo, di uccidere quel meraviglioso cigno tirandogli il collo, qualche giorno fa. 
 
Ma è anche una storia di riscatto. Di una donna che vede tutto e anzichè farsi gli affari suoi (come troppo spesso succede) denuncia il fatto al sindaco del paese. E' la storia di una comunità che si ribella a una violenza gratuita e si dà da fare per il suo simbolo, Baldassarre appunto. E' la storia di un paio di carabinieri che si mettono a caccia del «killer di cigni». E lo denunciano dopo appena 24 ore di indagini. Reo confesso.
 
Sul lago Sirio, oggi molto più povero perchè rimasto orfano di Baldassarre, forse un giorni ci saranno cinque, dieci, venti cigni (lo ha proposto Legambiente al sindaco di Chiaverano). Non potranno mai sostituire Baldassarre e quello che, simbolicamente, è sempre stato per quel lago e per quella comunità. Ma saranno, senza dubbio, l'ideale omaggio a quel cigno e un monito perenne contro la stupidità dell'uomo. Affinchè Baldassarre resti sempre, idealmente, sulle acque di quel lago. E la storia che continua. Una storia da raccontare.
Altri post di Alessandro Previati
OTT
3
Quattro anni fa, il 3 ottobre 2013, iniziava in sordina, con tanto entusiasmo e altrettanto timore, l'avventura web di «Quotidiano (del) Canavese»
SET
22
Le sentenze si rispettano. Sempre. Anche quando sono un cazzotto nello stomaco. Niente carcere a vita per Gabriele Defilippi, reo confesso dell'omicidio di Gloria Rosboch...
AGO
9
La richiesta di lavoro di una ragazza di Crescentino fa il giro del web. Un commerciante di Torino risponde, poi si accorge che la diciottenne è fidanzata con un giovane di colore. E allora niente lavoro...
MAG
30
La strada che porta a San Siro, la «Scala del calcio», è stato un percorso lungo 49 anni. Estremamente tortuoso, passato da stadi pazzeschi...
MAG
20
Prima o poi si tornerà alle urne. Qualcuno verrà anche a chiedere il voto. Probabilmente i «canavesani che non contano nulla» sapranno cosa rispondere...
Prossima fermata? Chissà...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa è stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 è «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore